Ci dicono che mangiamo troppo sale e che potremmo rischiare ictus e infarti, ma non è così: secondo i ricercatori della McMaster University solo il 5% delle persone che vivono in Paesi sviluppati superano il limite suggerito di sale e cioè 5 grammi al giorno o 2,5 cucchiaini da tè. La scoperta ci fa tirare un sospiro di sollievo visto che negli ultimi anni il sale era finito al centro dell'attenzione come nemico per la nostra salute: mangiarne troppo aumenta infatti il rischio di malattie al cuore e ictus.

Lo studio. La ricerca, intitolata “Urinary sodium excretion, blood pressure, cardiovascular disease, and mortality: a community-level prospective epidemiological cohort study”, e pubblicata su The Lancet, ha preso in considerazione i dati raccolti da 94.000 persone tra i 35 e i 70 anni di 18 diversi paesi in giro per il mondo e hanno scoperto che il rischio di malattie cardiovascolare e ictus è concreto solo per chi mangia più di 5 grammi di sale al giorno. Tra tutti i paesi presi in considerazione, solo in Cina per l'80% della popolazione l'apporto di sodio è superiore a 5 grammi giornalieri, nelle restanti nazioni invece varia da 3 a 5 grammi al giorno, quindi da 1,5 e 2,5 cucchiaini da tè al giorno.

Sale, infarti e ictus. Il consumo eccessivo di sale fa male alla salute, questo lo sappiamo, però negli ultimi anni le raccomandazioni sul consumo di questo alimento ci hanno fatto pensare che ne stessi mangiando più del dovuto: a quanto pare però non è così. Ovviamente le quantità non riguardano il sale che noi stessi aggiungiamo al cibo, ma dobbiamo considerare anche quello che è già presenti negli alimenti che acquistiamo (pane, insaccati, prodotti confezionati, solo per fare qualche esempio).

Come contrastare il sale. “Abbiamo riscontrato che tutti i problemi cardiovascolari, inclusa la morte, diminuiscono nei Paesi in cui c'è un importante consumo di potassio che si trova nella frutta, nella verdura, nei latticini, nelle patate, nelle noci e nei fagioli” spiegano i ricercatori. In pratica per contrastare l'accumulo di sale, possiamo mangiare questi alimenti.