I ricercatori della Keele University hanno scoperto che esiste un link diretto tra la capacità di dire tante parolacce e le emozioni. In pratica, spiegano gli scienziati, quando stiamo vivendo un picco di emozioni è più facile per noi riuscire a dire più parolacce in un arco di tempo determinato di quanto riusciremmo a dirne in una situazione di calma emotiva. Effettivamente, a pensarci, quando qualcosa ci va storto, e quindi le emozioni sono più forti, è più facile che ci venga da scaricare una raffica di parolacce che, ammettiamolo, ci aiutano a trovare la calma.

Per giungere a questa stravagante conclusione, gli scienziati hanno proposto ad un gruppo di volontari di giocare ad un video gioco in cui avrebbero sparato in prima persona, il cui scopo è ‘accendere’ emotivamente le persone, e ad un video gioco sul golf che, diciamocelo, per quanto interessante non è poi così coinvolgente.

Dopo aver giocato al video gioco, ai volontari è stato chiesto di dire quante più parolacce gli venissero in mente in un minuto: questa ‘dote’ in inglese si chiama “Swearing Fluency Task”. cioè l’abilità di dire fluentemente parolacce ed è stata sviluppata dagli psicologi negli Stati Uniti. Dai dati raccolti è emerso che nei volontari che avevano giocato a sparare si era sviluppato uno stato emotivo aggressivo, tradotto in una maggior quantità di parolacce dette rispetto ai giocatori di golf.

Secondo gli scienziati, questa abilità dimostrerebbe che c’è un link diretto tra il dire le parolacce e l’attivazione emotiva, detta arousal. E quindi? I ricercatori sembrerebbero voler dirci che, grazie a questo studio, dovremmo accettare socialmente l’utilizzo di parolacce per esprimerci. E non è tutto. Studi passati hanno dimostrato inoltre che dire parolacce è sintomo di intelligenza.

Non sarebbe male se la smettessero di rompere le palle ogni volta che diciamo una parolaccia, no?