Covid 19
9 Dicembre 2021
10:13

Quanta protezione in più offre la terza dose di vaccino Covid

Rispetto ai vaccinati con due dosi di Pfizer/BionTech, la somministrazione di una dose booster riduce di ulteriori 10 volte il rischio di infezione e del 90% quello di morte.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Anche se i vaccini anti-Covid stanno dando prova di funzionare molto bene nel proteggere dalla malattia grave e dalla morte, l’efficacia nei confronti dell’infezione sta facendo registrare un importante calo in funzione del tempo trascorso dal primo ciclo vaccinale. Sulla base di questa riduzione (e del numero crescente di infezioni tra le persone vaccinate), la somministrazione di una terza dose di vaccino è stata raccomandata in diversi Paesi, a partire da Israele, dove la campagna di richiamo è iniziata nel luglio 2021 dagli over 60 anni per poi essere rapidamente estesa a tutte le persone di età pari o superiore ai 12 anni. Ma qual è la protezione aggiuntiva offerta dalla cosiddetta dose “booster”?

Due nuovi studi (Arbel et al. e Bar-On et al.), pubblicati sul New England Journal of Medicine hanno finalmente fatto luce su quanto le dosi di richiamo del vaccino di Pfizer/BioNTech abbiano ridotto il rischio di infezione e di morte nella popolazione di Israele, valutando l’effetto del richiamo e confrontando la protezione tra coloro che hanno ricevuto tre dosi di vaccino rispetto a chi ha completato il primo ciclo vaccinale. Entrambi gli studi hanno mostrato un aumento significativo dell’efficacia contro la malattia grave o la morte, dal 90 al 95%. Ciò significa che se l’efficacia di due dosi di vaccino è del 90% rispetto ai non vaccinati, l’efficacia di due dosi più il booster è compresa tra il 99 e 100%.

Protezione dal rischio di morte nei vaccinati con due e tre dosi
Protezione dal rischio di morte nei vaccinati con due e tre dosi

Anche riguardo la protezione dall’infezione, il rischio di contagio nei vaccinati con terza dose è risultato notevolmente ridotto rispetto al vaccinati con due dosi. Nel complesso, il tasso di infezione è stato ridotto di dieci volte dopo la terza dose, oscillando dalle 9 alle 17 volte a seconda della fascia di età. “Abbiamo effettivamente scoperto che la dose di richiamo riduce il tasso di infezioni confermate e malattia grave di un fattore simile nei gruppi di età studiati, anche se nel gruppo di età più giovane è stato osservato un fattore di riduzione maggiore contro le infezioni confermate” spiegano i ricercatori israeliani.

Protezione dall’infezione da coronavirus nei vaccinati con tre dosi
Protezione dall’infezione da coronavirus nei vaccinati con tre dosi

Ad ogni modo, aggiungono gli studiosi in un editoriale pubblicato sempre sul NEJM, l’avvio di campagne di terza dose nei diversi Paesi potrebbe essere decisa in funzione della situazione epidemiologica, della copertura ottenuta dal primo ciclo vaccinale, dell’immunità raggiunta nella popolazione in funzione dell’infezione naturale e di altri fattori, così come della necessità di mantenere una forza lavoro essenziale. “Tuttavia, molti Paesi devono determinare l’uso migliore della loro fornitura limitata di vaccini nel prossimo futuro – sottolineano gli esperti – . Nella maggior parte dei contesti, c'è ancora molto da fare, concentrandosi sulla vaccinazione dei non vaccinati, soprattutto nelle popolazioni ad lato rischio. Pertanto è importante che la vaccinazione con il ciclo primario rimanga ovunque una priorità assoluta, perché questo porterà a una maggiore riduzione della malattia grave e dei decessi per Covid”.

31376 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni