39.951 CONDIVISIONI
16 Settembre 2019
17:29

Quando moriamo non siamo ancora del tutto morti per un anno: la scoperta nella ‘fattoria dei corpi’

Il nostro corpo, una volta che siamo morti, continua a vivere per quasi un anno. Questo è quanto ha scoperto la scienziata Alyson Wilson che studia ciò che c’è da sapere sul post mortem e che è giunta alle sue conclusioni grazie ad una ricerca realizzata nella segreta ‘fattoria dei corpi’ in Australia.
A cura di Zeina Ayache
39.951 CONDIVISIONI

Il nostro corpo continua a ‘vivere’ dopo la morte per ancora un anno circa, questo è quanto hanno scoperto gli scienziati direttamente nella segreta ‘fattoria dei corpi’ che si trova in Australia. Vediamo insieme cosa significa, come lo hanno scoperto, quali sono le conseguenze di queste nuove informazioni sul post mortem e cos’è la ‘fattoria dei corpi’.

La ricercatrice Alyson Wilson ha studiato per più di 17 mesi il comportamento dei cadaveri fotografandone ogni movimento e sfruttando il time-lapse e ha scoperto che, in realtà, quando moriamo non risposiamo esattamente ‘in pace’, ma il nostro corpo continua a ‘vivere’. In un caso specifico, addirittura, le braccia di una persona deceduta da che erano conserte si sono spostate lungo il corpo. Ma come è possibile?

Secondo la ricercatrice, i movimenti che si registrano nei cadaveri sono da attribuire al processo di decomposizione, quindi mentre il corpo si mummifica e i legamenti si seccano.

Per giungere a questa conclusione, la ricercatrice, che racconta di essere da sempre affascinata dai cadaveri, si è spostata ogni mese da Cairns a Sydney dove si trova, in una località segreta, la ‘fattoria dei corpi’, cioè un luogo in cui sono conservati 70 corpi destinati alla scienza. Ufficialmente conosciuta come ‘Australian Facility for Taphonomic Experimental Research (AFTER)’, questa ‘fattoria’ è un luogo in cui si conducono ricerche pionieristiche sul comportamento del nostro corpo post mortem.

Quanto scoperto è interessante poiché può aiutare la polizia a stimare l’esatto orario di morte, riducendo gli errori e facilita anche l’identificazione di corpi di persone scomparse da molto tempo. Insomma una migliore comprensione dei movimenti del nostro corpo post mortem potrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di sbagliare la causa della morte o l'interpretazione di una scena del crimine.

39.951 CONDIVISIONI
Dopo la morte, continuiamo a "vivere" fino ad un anno: la scoperta nella "Fattoria dei Corpi"
Dopo la morte, continuiamo a "vivere" fino ad un anno: la scoperta nella "Fattoria dei Corpi"
4.809 di Videonews
40 delfini morti in Toscana, trovati altri due corpi. Primi risultati delle autopsie
40 delfini morti in Toscana, trovati altri due corpi. Primi risultati delle autopsie
Quanti vaccini abbiamo scoperto nell’ultimo anno
Quanti vaccini abbiamo scoperto nell’ultimo anno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni