11 Ottobre 2021
19:57

Plastica nello stomaco di più della metà degli uccelli marini di tutto il mondo

Fino al 52% degli uccelli marini non solo mangia scarti plastici, ma accumula anche componenti chimici della plastica nell’organismo. Second i ricercatori si tratta di sostanze accumulate direttamente dall’ingestione, con conseguenze sulla salute non completamente comprese.
A cura di Valeria Aiello

Gli uccelli marini dell’isola di Gough nell’Atlantico meridionale, dell’isola di Marion vicino all’Antartide e delle coste delle Hawaii e dell’Australia occidentale hanno un’abitudine pericolosa: mangiare la plastica. Su trentadue specie di uccelli marini campionati in tutto il mondo, un team internazionale di 18 istituzioni in sette Paesi ha scoperto che fino al 52% degli uccelli non solo mangia scarti plastici, ma accumula anche i componenti chimici della plastica nell’organismo.

I risultati, pubblicati su Environmental Monitoring and Contaminants Research, indicano che parte dei circa 400 milioni di tonnellate di plastica prodotta all’anno si disperde nell’ambiente, così come i pellet di resina usati come materia prima della plastica, finisce negli oceani, facendosi strada nei corsi d’acqua. Questi frammenti non sono biodegradabili, né affondano, ma hanno dimensioni simili alle prede naturali degli uccelli marini (come piccoli pesci e insetti) e sono abbastanza leggeri da galleggiare o muoversi con le correnti. “Di conseguenza, enormi quantità di plastica sono disponibili per una serie di consumatori negli oceani del mondo“ ha affermato l’autore corrispondente dello studio, il professor Hideshige Takada dell’Università per l’Agricoltura e la Tecnologia di Tokyo –  . A partire dal 2020, è stato segnalato che 180 specie di uccelli marini, corrispondenti alla metà delle specie totali di uccelli marini in tutto il mondo hanno ingerito plastica. È anche previsto che entro il 2050 il 99% delle specie di uccelli marini avrà ingerito plastica” .

Anche se mangiare plastica comporta danni fisici e può essere causa diretta di morte per gli uccelli marini, si sa ancora poco delle conseguenze biologiche del consumo queste sostanze chimiche aggiunte per legare, migliorare e stabilizzare la plastica. “In questo studio, abbiamo mirato a comprendere la minaccia di diffusione dell'accumulo mediato dalla plastica di additivi chimici per gli uccelli marini su base globale – ha aggiunto Takada che insieme ai colleghi ha analizzato il concentrazioni chimiche del liquido della ghiandola preuretrale di 145 uccelli marini in 16 diverse località in tutto il mondo ed esaminato il contenuto dello stomaco di 54 carcasse di uccelli trovati morti sulle spiaggie.

Alte concentrazioni di additivi sono state trovate in 16 uccelli che contenevano anche grandi quantità di plastica ingerite. “Gli additivi rilevati hanno dimostrato che porzioni significative degli uccelli marini del mondo – dal 10 al 30% – sono probabilmente sostanze chimiche accumulate direttamente dall’ingestione di plastica – ha indicato Takada – . Finora si riteneva che gli additivi non fossero facilmente disponibili per l’accumulo nei tessuti biologici, perché impastati con la matrice polimerica durante la produzione di plastica. Tuttavia è stato dimostrato che i componenti oleosi nei fluidi digestivi possono agire come solventi organici facilitandone il rilascio, per cui possono accumularsi nei tessuti”.

Perché ci sono sagome di uccelli neri disegnate sui “vetri” delle autostrade
Perché ci sono sagome di uccelli neri disegnate sui “vetri” delle autostrade
Questo uccello lira ha imparato a imitare alla perfezione il pianto di un bambino: il video
Questo uccello lira ha imparato a imitare alla perfezione il pianto di un bambino: il video
Perché ci sono sagome di uccelli neri disegnate sui “vetri” delle autostrade
Perché ci sono sagome di uccelli neri disegnate sui “vetri” delle autostrade
378 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni