Il 21 marzo, in tutto il mondo, si celebra la Giornata Internazionale delle Foreste, una giornata dedicata all'importanza che le foreste hanno per la nostra vita. Le foreste infatti coprono un terzo della terraferma, sono responsabili della vita di 1,6 miliardi di persone e della biodiversità degli ecosistemi terrestri che danno rifugio a più dell'80% delle specie animali e degli insetti che popolano il nostro Pianeta.

Purtroppo però ogni anno sono 13 i milioni di ettari che distruggiamo per le nostre necessità e la deforestazione è responsabile del 12-20% delle emissioni di gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici. Insomma, ogni anno la distruzione delle foreste porta il nostro Pianeta a soffrire sempre di più per non parlare dei rischi che corrono gli animali che si ritrovano senza il loro ecosistema naturale.

La celebrazione si concentra sul ruolo da protagonista che hanno le foreste nel permetterci di avere l'acqua sufficiente alla nostra sopravvivenza. Forse non tutti sanno che le foreste ci forniscono il 75% dell'acqua potabile utilizzata a livello domestico, ma anche industriale, circa un terzo delle città più grandi al mondo si dissetano proprio grazie alle foreste delle aree protette.

Purtroppo però circa l'80% della popolazione mondiale è esposta ad un alto livello di minaccia per la sicurezza dell'acqua, questo significa che bisogna investire sulla gestione delle risorse idriche al fine di contenere i pericoli e ridurre l'impatto ambientale. La continua deforestazione infatti, oltre ad agire sui cambiamenti climatici, riduce la disponibilità di acqua.

In un'epoca in cui noi esseri umani siamo una minaccia per noi stessi è forse il caso di iniziare a riflettere sull'impatto che abbiamo sulla Terra e scegliere di rispettare di più l'ecosistema, al fine di evitare l'autodistruzione.