23 Agosto 2021
15:29

Perché caldo estremo, incendi e siccità di questa estate sono un’anteprima del nostro futuro

Gli eventi estremi che hanno colpito l’Europa, il Nord Africa e diverse aree del Pacifico Nord-occidentale confermano quanto previsto dagli esperti del clima: “Anticipano ciò vedremo più frequentemente a causa dell’aumento delle temperature”.
A cura di Valeria Aiello
Una foresta in fiamme. Credit: Geralt
Una foresta in fiamme. Credit: Geralt

Ondate di caldo sempre più intense e periodi di grave siccità che aumentano la frequenza, l’estensione e l’intensità degli incendi sono la preoccupante conseguenza dei cambiamenti climatici di cui i ricercatori mettono in guardia da ormai due decenni. “Gli esperti del clima stavano prevedendo esattamente questo tipo di cose, che ci sarebbe stata una maggiore minaccia di eventi estremi causati dall’aumento delle temperature”. A sottolineare l’impatto del riscaldamento globale è Jonathan Martin, professore di Scienze atmosferiche presso l’Università del Wisconsin-Madison che alla NBC ha riconosciuto come “molto angosciante” quanto accaduto nelle ultime settimane. “Questi eventi – ha affermato – non sono segnali incoraggianti per il nostro futuro immediato”.

Il mese di agosto è, in genere, uno dei più caldi nell’emisfero settentrionale, ma le ondate di forte caldo registrate dall’inizio del mese si aggiungono a un crescente elenco di eventi estremi, tra cui le temperature dello scorso luglio, il mese più caldo da quando la National Oceanic and Atmospheric Administration, l’Agenzia americana per lo studio del clima e degli oceani, ha avviato il monitoraggio delle temperature medie globali, 142 anni fa.

Dalla Siberia all’Europa, dal Canada alla California, il cambiamento climatico sta mostrando il suo aspetto più feroce. L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite che ha recentemente pubblicato un rapporto sullo stato del cambiamento climatico e sulle conseguenze di un ulteriore riscaldamento globale, evidenziando come le forti ondate di calore – che in precedenza si verificavano una volta ogni 50 anni – , ora probabilmente si verificheranno almeno una volta ogni decennio. E in uno studio pubblicato il mese scorso sulla rivista Nature Climate Change, gli scienziati dell’ Institute for Atmospheric and Climate Science dell’ETH di Zurigo hanno rivelato che gli eventi di caldo estremo hanno una probabilità fino a sette volte maggiore di verificarsi tra oggi e il 2050 e più di 21 volte più probabilità che si verifichino dal 2051 al 2080.

Eventi di caldo estremo come quelli che abbiamo avuto nel Nord-ovest del Pacifico a giugno, non li vedremo improvvisamente ogni estate, ma sono sicuramente un’anteprima di ciò che vedremo più frequentemente in futuro” ha commentato Karin Bumbaco, ricercatrice presso l’Università di Washington e assistente climatologa dello stato di Washington.

I cambiamenti climatici stanno esacerbando questi eventi, dovuti alle emissioni di gas serra che trattengono i calore, causando un aumento delle temperature medie. “Questi cambiamenti della temperatura media significano che quando si verificano ondate di calore, è più probabile che siano gravi” fa eco Gerald Meehl, ricercatore senior presso il National Center for Atmospheric Research in Colorado – . Se le temperature medie aumentano ovunque, crescono le probabilità di eventi di caldo più intensi – ha affermato Meeh – . Anche aumenti relativamente contenuti delle temperature medie causano uno spostamento molto grande negli eventi estremi”.

Come i cambiamenti climatici sono collegati agli incendi
Come i cambiamenti climatici sono collegati agli incendi
I giorni di caldo estremo potrebbero quadruplicare nei prossimi anni
I giorni di caldo estremo potrebbero quadruplicare nei prossimi anni
Salmoni cotti vivi dal caldo estremo in un fiume americano
Salmoni cotti vivi dal caldo estremo in un fiume americano
310 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni