Nell'Amazzonia ecuadoriana esiste una vespa appena scoperta che trasforma un ragno ‘sociale' in uno zombie che obbliga ad abbandonare la sua famiglia per ‘schiavizzarlo', questo è quanto hanno scoperto i ricercatori della University of British Columbia. Ma vediamo nel dettaglio cosa c'è da sapere.

Un ragno zombie e una vespa schiavista. Gli animali in questione sono una vespa appena scoperta della specie Zatypota e un ragno ‘sociale' della specie Anelosimus eximius. Come racconta il ricercatore Fernandez-Fournier, già in passato erano stati scoperti casi di vespe in grado di manipolare il comportamento dei ragni, ma mai erano stati osservati cambiamenti simili. Il ragno in questione è infatti un ragno ‘sociale' cioè è una delle specie che vive in grandi colonie dove tutti gli esemplari collaborano per catturare le prede, condividono i doveri dei genitori e raramente di allontanano dal loro nido.

Una scoperta casuale. I ricercatori raccontano di aver notato alcuni ragni infettati da una larva parassita comportarsi in maniera insolita e cioè allontanarsi dalla colonia per tessere ragnatele ricoperte di fogliame. “Era molto strano, perché normalmente non lo fanno, quindi ho iniziato a prendere appunti”, spiega Fernandez-Fournier. Esaminando una di queste ragnatele, i ricercatori hanno scoperto una vespa al loro interno.

Una vita di ‘coppia'. Analizzando il ciclo vitale della vespa e del ragno tra il 2012 e il 2017, i ricercatori hanno scoperto che la femmina di vespa depone un uovo sull'addome del ragno che quindi viene infettato dal parassita del quale si nutre per crescere. A questo punto il ragno è ormai uno zombie, esce dalla sua colonia e tesse un bozzolo per la larva e piano piano si consuma e muore. A quel punto la larva entra nel bozzolo protetto costruito dal ragno e undici giorni dopo circa ne esce sotto nuova forma, quella appunto di vespa.

Un comportamento insolito. Ciò che sorprende in questo caso è proprio come la vespa riesca a modificare completamente il comportamento del ragno. Ma come ci riesce? Gli studiasi pensano che la larva rilasci alcuni ormoni che fanno credere al ragno di essere in uno stadio diverso della sua vita, cioè sfruttano le sue competenze sociali per indurlo a credere che sia necessario allontanarsi dal suo gruppo per costituirne uno nuovo.