I nonni sono pericolosi per la salute dei loro nipoti: viziandoli e non ascoltando le richieste dei genitori incrementano il rischio di sviluppare un cancro da adulti o di diventare obesi. La notizia arriva direttamente da Glasgow dove i ricercatori hanno pubblicato una ricerca intitolato “A systematic review of grandparents’ influence on grandchildren’s cancer risk factors” disponibile su PLOS ONE. Ma come è possibile?

Nonni e vizi. Chiunque abbia avuto la fortuna di avere almeno un nonno sa che uno degli aspetti più belli del fargli visita riguarda proprio la quantità di vizi ricevuti. Questi vizi però, secondo la scienza, potrebbero rappresentare un pericolo per la salute. Per giungere a questa conclusione gli scienziati hanno analizzato i dati raccolti da 56 studi di 18 paesi differenti riguardanti proprio le attenzioni che i nonni rivolgono ai nipoti. I risultati ottenuti hanno dimostrato che i nonni, inavvertitamente, hanno un impatto negativo sulla forma fisica dei nipoti: troppe vizi, troppo cibo e poca attività fisica. E non è tutto. I nonni fumatori sarebbero inoltre responsabili degli effetti negativi del fumo passivo.

Attenzione ai bambini. È evidente che per un bambino mangiare molto, fare poca attività fisica e respirare fumo passivo rappresenti un rischio, neanche troppo potenziale, per la salute, in particolare per quanto riguarda il cancro. I dati raccolti, fanno sapere i ricercatori, mostrano infatti che i comportamenti sbagliati dei nonni sono da considerarsi fattori di rischio, sul lungo periodo, per la formazione di tumori.

Conclusioni. Se lo studio non tiene conto dei molti vantaggi a livello emotivo offerti da una giornata trascorsa con i nonni, va però sottolineato che quanto scoperto non possa essere preso sotto gamba: le donne sempre più lavoratrici e il costo della vita sempre più alto implicano che i nonni siano sempre di più punti di riferimento per i genitori e se il loro comportamento rappresenta un fattore di rischio bisogna capire come intervenire. L'idea dei ricercatori è quella di cercare di spiegare ancora meglio ai nonni quali siano le conseguenze dei loro vizi e di trovare insieme ai genitori una soluzione salutare.