Sulla spiaggia di Muriwai, in Nuova Zelanda, sono arrivati gli alieni. No, non è vero, ma la reazione esplosiva che le immagini condivise su Facebook hanno scatenato è degna di un film fantascientifico. Forse Melissa Doubleday‎ non si aspettava un simile clamore quando sulla pagina del social di Zuckerberg “Muriwai & Waimauku Area Community Group” ha pubblicato le foto scattate, fatto sta che adesso tutti si sono chiesti che cosa fosse quell'ammasso di alghe e conchiglie alto circa due metri: scopriamolo insieme.

Osservando da vicino la struttura “aliena”, è possibile notare la presenza di alcuni tentacoli che entrano ed escono dalle conchiglie bianche: il colore, le dimensioni e le caratteristiche di questo ammasso vivente fanno pensare che si tratti di Lepas anatifera. Cioè?

Il Lepas anatifera è un crostaceo della famiglia Lepadidae ed è un cirripede, cioè è dotato di cirri (tentacoli) che servono per alimentarsi e si attacca agli oggetti che trova (legni, barche, boe) dove purtroppo è destinato a restare a vita: per questo infatti è sessile, cioè non si muove a meno che non sia la corrente stessa a staccarlo.

La conchiglia all'interno della quale vive è bivalve e a forma di cuore, grossa circa cinque centimetri, è composta da cinque strati di lastre calcaree. Ma non finisce qui. Il Lepas anatifera è dotato anche di un gambo, o peduncolo, lungo tra i 4 a i 90 centimetri, che fa parte della testa dell'animale e che ha il compito di attaccarsi agli oggetti grazie ad una sostanza secreta da lui stesso.

Cosa mangia il Lepas anatifera? Non gli esseri umani, tranquilli. Di solito si nutre di gamberi e polipi che cattura con i cirri. Quanto alla fecondazione, è interna, si tratta infatti di un animale ermafrodita che raggiunge la maturità sessuale da quando la conchiglia è grossa circa 2,5 centimetri.

[Foto di Melissa Doubleday‎]