Tocilizumab, il farmaco normalmente utilizzato per trattare l’artrite reumatoide e sperimentato sui pazienti con infezione da coronavirus Sars-Cov-2, non ha ridotto la necessità di assistenza respiratoria con ventilazione meccanica né la mortalità in pazienti ospedalizzati con casi moderatamente gravi. Lo indica uno studio Usa, chiamato Bay Tocilizumab Trial del Boston Area Covid-19 Consortium (BACC), e pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha incluso 243 pazienti con casi moderatamente gravi di Covid-19 ricoverati presso sette ospedali di Boston.

Nessun beneficio da tocilizumab

I pazienti, con alti livelli di infiammazione e almeno due sintomi tra polmonite, bassi livelli di ossigeno nel sangue e febbre, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere in aggiunta alla terapia standard un’infusione di tocilizumab (161) oppure di placebo (81). Lo studio ha rilevato che pazienti trattati con tocilizumab avevano la stessa probabilità di chi aveva ricevuto infusioni di placebo di richiedere l’intubazione o morire nell’arco di quattro settimane. Allo stesso modo, le condizioni dei pazienti in entrambi i gruppi sono migliorate o peggiorate con lo stesso andamento.

Nelle quattro settimane successive, spiegano i ricercatori, 27 pazienti hanno richiesto cure intensive o sono deceduti: 17 del gruppo tocilizumab (10,6%) e 10 pazienti (12,5%) del gruppo placebo, di cui 6 sono morti senza essere intubati nel gruppo tocilizumab e 2 nel gruppo placebo. Tra i due gruppi di trattamento, spiega sempre lo studio, nessun parametro si è significativamente discostato: il tempo mediano al miglioramento è stato di 6 giorni del gruppo tocilizumab e di 5 del gruppo placebo e nessuna particolare differenza è stata osservata nella durata mediana dell’uso supplementare di ossigeno (4 vs 3,9 giorni).

“Abbiamo dimostrato molto chiaramente che con la somministrazione di tocilizumab il blocco del recettore IL-6 non è garantito – ha commentato il reumatologo John Stone, autore principale dello studio pubblicato su FJM, osservando che anche altri studi su tocilizumab somministrato a pazienti già intubati non hanno riscontrato alcun beneficio. – I pazienti Covid-19 con livelli elevati di una citochina chiamata interleuchina-6 (IL-6) hanno un maggior bisogno di ossigeno supplementare somministrato con ventilazione meccanica e un maggior rischio di morte. È possibile che il farmaco possa aiutare i pazienti con diversa gravità della malattia e quelli che già richiedono ventilazione meccanica inclusi nel BACC”.