17 Marzo 2021
18:42

Nella seconda ondata di Covid il tasso di mortalità è diminuito nei Paesi più ricchi

Lo evidenziano i risultati di un’analisi matematica su casi e decessi per Covid-19 registrati in Europa e negli Stati Uniti. Il confronto tra le diverse ondate ha indicato che Paesi come Danimarca, Francia e Belgio hanno registrato le diminuzioni più significative. Tasso di mortalità in calo anche in Italia, meglio di Germania e Svezia.
A cura di Valeria Aiello

Alcuni dei Paesi più ricchi dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti nord-orientali hanno ridotto in maniera significativa i tassi di mortalità per Covid-19 tra la prima e la seconda ondata della pandemia. Lo evidenziano i risultati di un’analisi condotta dagli studiosi dell’Università di Sydney, in Australia, e dell’Università Tsinghua di Pechino, in Cina, che mediante un nuovo metodo matematico hanno determinato quali Paesi sono riusciti a limitare in modo più sostanziale la mortalità. “Abbiamo preso una serie temporale dei tassi di infezione per ogni Paese, applicando un approccio algoritmico per dividerlo nelle diverse ondate e poi eseguito alcune ottimizzazioni e calcoli relativamente semplici per determinare due diversi numeri di mortalità” ha spiegato Nick James della School of Mathematics & Statistics dell’Università di Sydney e primo autore della ricerca.

Il calcolo, dettagliato nello studio pubblicato sulla rivista Chaos, ha indicato una sostanziale eterogeneità nella variazione dei tassi di mortalità. In particolare, i Paesi Bassi hanno ridotto drasticamente la letalità nella seconda ondata, con un calo del tasso di mortalità di oltre 16 volte rispetto a quello registrato nella prima ondata, la flessione più importante registrata sia in Europa sia negli Usa. Anche Danimarca (14,3), Francia (13,7) e Belgio (11,2) hanno registrato una diminuzione significativa tra prima e seconda ondata, davanti a Spagna (9,5), Regno Unito (9,5), Irlanda (9,2), Andorra (8,8), Finlandia (8,4) e Norvegia (6,2).

Un trend che ha portato i ricercatori ad attribuire le diminuzioni europee più sostanziali ai Paesi più ricchi dell’area occidentale o settentrionale del Vecchio Continente, con due importanti eccezioni relative alla Germania e alla Svezia che, rispettivamente, hanno registrato una diminuzione del tasso di mortalità di 3,6 e 3,8 volte rispetto alla prima ondata. In Italia, il tasso di mortalità della seconda ondata è risultato di 5,2 volte più basso nel confronto con quello della prima. Al contrario, la Bielorussia – con un rapporto di mortalità di 0,72, dunque inferiore a 1 che indica un aumento della mortalità – ha registrato un incremento del tasso di mortalità nella seconda ondata, mentre Ucraina e Moldavia stavano ancora affrontando la prima ondata alla fine del 2020.

Le differenze sono risultate meno marcate negli Usa, sebbene Stati come New York (7,1), New Jersey (8,23) e Connecticut (6,7), particolarmente colpiti dalla prima ondata, abbiano registrato una diminuzione dei tassi di mortalità in linea con molti Paesi dell’Europa occidentale. Arkansas e Tennessee, invece, hanno registrato un aumento della mortalità, con un rapporto rispettivamente di 0,7 e 0,9.

Il nostro lavoro ha mostrato importanti cali della mortalità rispetto ai casi segnalati e ai decessi – ha indicato Max Menzies della Tsinghua University e coautore dello studio – . Tuttavia, il problema è che forse non sapremo mai il vero numero di casi all’inizio della prima ondata, anche se è possibile che ricerche e analisi future cercheranno di determinarlo”.

L’eccesso di mortalità rispetto agli anni precedenti non è adatto a calcolare il numero reale di morti di Covid-19 – ha aggiunto Peter Radchenko, professore associato della Business School dell’Università di Sydney e autore corrispondente della ricerca – . Questo perché l’eccesso può essere negativo rispetto agli anni precedenti a causa di fluttuazioni determinate da altre cause. Ci auguriamo che anche altri ricercatori analizzeranno da vicino i numeri reali, magari utilizzando dati più specifici, come quelli di particolari ospedali o regioni”.

Variante Lambda più pericolosa della Delta: tasso di mortalità più elevato, presente in 30 Paesi
Variante Lambda più pericolosa della Delta: tasso di mortalità più elevato, presente in 30 Paesi
Perché nei Paesi più ricchi i casi di Covid diminuiscono più rapidamente
Perché nei Paesi più ricchi i casi di Covid diminuiscono più rapidamente
Le disabilità intellettive sono il secondo fattore di rischio (dopo l'età) nella mortalità per Covid
Le disabilità intellettive sono il secondo fattore di rischio (dopo l'età) nella mortalità per Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni