11 Dicembre 2018
16:24

Morto Riccardo Giacconi, Nobel per la Fisica e padre dell’astronomia a raggi X

Il ‘papà’ dell’astronomia a raggi X ci ha detto addio all’età di 87 anni, Riccardo Giacconi si è spento a San Diego. Nato nel 1931, Giacconi è un importantissimo fisico italiano e vincitore del Premio Nobel per la Fisica grazie ai suoi studi sull’astronomia a raggi X che ci hanno permesso di conoscere il lato ‘violento’ dell’Universo.
A cura di Zeina Ayache

Riccardo Giacconi, il Nobel per la Fisica 2002, è morto all'età di 87 lo scorso 9 dicembre a San Diego. Celebre per essere considerato il padre dell'astronomia a raggi X, Giacconi ha pubblicato ricerca che ci hanno permesso di conoscere meglio il lato ‘violento' dell'universo, fatto di stelle cannibali, buchi neri, e immani esplosioni, ecco cosa c'è da sapere su di lui.

87 anni di storia. Riccardo Giacconi è nato a Genova nel 1931, ma ha vissuto a lungo a Milano dove ha potuto formarsi e laurearsi con Giuseppe Occhialini, padre dello studio dei raggi gamma, all'Università Statale. Negli anni '60, Giacconi si trasferisce negli Stati Uniti dove inizia a studiare la radiazione X proveniente da cosmo. Una volta divenuto cittadini americana, l'uomo inizia ad approfondire le sue ricerca sull'astronomia non filtrata dall'atmosfera terrestre. Grazie ai suoi studi, Giacconi è riuscito a scoprire la prima sorgente cosmica a raggi X, Scorpius X-1, nel 1962 e ha progettare e lancare nel 1970 il primo satellite dedicato a queste lunghezze d'onda, Uhuru della NASA.

Nobel 2002. Grazie alla sue ricerca sulla radiazione X e le implicazioni cosmologiche, nel 2002, Riccardo Giacconi ha ottenuto il premio Nobel per la Fisica. In pratica, Giacconi è riuscito a permettere di comprendere le caratteristiche delle Pulsar, i buchi neri, le nane bianche, le stelle di neutroni, gli ammassi di galassie con l'utilizzo dei raggi X in astronomia.

La carriera. Giacconi è stato professore di astrofisica presso l'Harvard University, dal 1973 al 1982, alla Johns Hopkins University di Baltimora da, 1981 al 1999, e all'Università di Milano dal 1991 al 1999. Inoltre è stato direttore dell'Istituto americano per il telescopio spaziale di Baltimora dal 1981 al 1992 e direttore generale dell'Osservatorio europeo meridionale (ESO) di Garching dal 1993 al 1999.

Il fisico italiano Parisi vince il Nobel per la Fisica 2021 per le sue ricerche sui sistemi complessi
Il fisico italiano Parisi vince il Nobel per la Fisica 2021 per le sue ricerche sui sistemi complessi
30 di Videonews
Premio Nobel per la Fisica 2018: vincono Ashkin, Mourou e Strickland per la fisica dei laser
Premio Nobel per la Fisica 2018: vincono Ashkin, Mourou e Strickland per la fisica dei laser
Chi è Giorgio Parisi, lo scienziato italiano Premio Nobel per la Fisica 2021
Chi è Giorgio Parisi, lo scienziato italiano Premio Nobel per la Fisica 2021
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni