40.309 CONDIVISIONI
18 Novembre 2015
14:34

Migliore amico dell’uomo e miglior collega, ecco chi è il cane poliziotto

Durante le operazioni a Saint Denis, utili a scovare i terroristi che nei giorni scorsi hanno sconvolto Parigi, è morto Diesel, cane poliziotto di 7 anni. A cosa servono i cani delle forze di polizia? Per cosa vengono “utilizzati”?
A cura di Zeina Ayache
40.309 CONDIVISIONI
Diesel
Diesel

La polizia francese ha confermato la notizia della morte del cane poliziotto Diesel, un malinois di 7 anni, intervenuto per primo durante le operazioni in corso a Saint Denis utili a scovare i terroristi che nei giorni scorsi hanno sconvolto Parigi, la Francia, l'Europa e il mondo intero, gettando nel panico la popolazione. Il cane eroe non è morto subito, secondo alcune testimonianze infatti sarebbe riuscito a tornare dal suo compagno umano per poi lasciarsi andare.

Ma chi sono i cani della polizia? E perché vengono “utilizzati”?

I cani delle forze armate, chi è Diesel

I cani che vengono “assunti” dai reparti speciali delle polizie del mondo sono animali addestrati, sin dalla nascita, per svolgere un predeterminato compito che è direttamente connesso con le motivazioni e le predisposizioni di razza. Di solito, in Italia, i prescelti sono il Labrador, il Pastore Tedesco, il Pastore Belga e il Cane Lupo Cecoslovacco, ultimamente vengono scelti anche i meticci salvati dai canili. Diesel era un malinois, un cane da pastore belga la cui originaria utilità è proprio quella della guardia, della difesa e della ricerca su pista. Vigile, attivo, intelligente e affidabile, il Pastore Belga in questi ultimi anni ha sostituito quasi completamente il Pastore Tedesco, anche per la sua grandezza, è infatti più piccolo, ma non meno tenace o forte. Amante dell'essere umano, il Pastore Belga si affida al proprio compagno e collega ed è il primo ad entrare in caso di irruzioni in appartamenti, quando, in alcuni casi, è attrezzato con una telecamera che permette agli agenti di vedere cosa accade all'interno del luogo dell'operazione.

Addestramento

L'addestramento dei nostri cani poliziotti è basato unicamente sul gioco e mai sulla punizione. Ogni cane viene seguito sin dalla nascita e accompagnato verso il suo futuro ruolo attraverso incontri basati sullo “stimolo-ricompensa” che implicano un premio al raggiungimento dell'obiettivo prefisso. Nessun cane viene obbligato con la forza o la coercizione, ma la collaborazione è ciò che sta alla base della formazione del cane.

Tipologie di cani poliziotti

  • Antiesplosivo: questi cani hanno il compito di trovare gli esplosivi e per questo sono dotati di grande fiuto, ma anche di grande capacità di concentrazione e attenzione. Sono addestrati a discriminare gli odori che sentono e, una volta recepito l'esplosivo, si siedono e non si spostano finché il conduttore, il poliziotto umano, non lo trova. Il cane riprende la ricerca dopo aver ricevuto una ricompensa in cibo. Visto il tipo di premio, i cani più adatti sono i Labrador, grandi appassionati di cibo e dotati di un “super” fiuto.
  • Ordine pubblico: questi cani hanno il compito di agire su richiesta del poliziotto per intervenire durante le operazioni di ordine pubblico. I preferiti di questa categoria sono i pastori (tedesco e belga) e il cane lupo cecoslovacco. Purtroppo alcuni di loro perdono l'udito con il tempo o sviluppano fobie a causa delle bombe carta o dei sassi lanciati durante le manifestazioni.
  • Antidroga: questi cani hanno il compito di trovare la droga e per questo devono avere un fiuto speciale. Hashish, marijuana, ecstasy, eroina e cocaina sono le principali sostanze che vengono ricercate. Ovviamente il cane non entra mai in contatto diretto con la droga, sia durante l'addestramento che in fase operativa, questa è infatti sempre sigillata e nascosta dentro appositi manicotti. Quando un cane fiuta le sostanze inizia a scavare nel punto individuato, una volta trovata la droga, viene ricompensato.
  • Ricerca e soccorso: questi hanno l'importante compito di ritrovare le persone (vive o morte che siano) tra le macerie, nei boschi o sottoterra e per questo sono molto motivati alla ricerca. Di stazza più grossa, visti i luoghi in cui vengono impiegati, possono essere Pastori Tedeschi, Border Collie e cani molecolari.

In pensione

Una volta in pensione, i cani delle forze di polizia possono godersi il loro meritato riposo sia con i propri compagni umani, se questi decidono di adottarli, sia con chiunque voglia prendersene cura. In Italia ad esempio la Polizia di Stato ha un database consultabile con tanto di scheda-cane che permette ai “civili” di adottare un ex cane poliziotto.

40.309 CONDIVISIONI
Quando i dingo erano i migliori amici delle donne
Quando i dingo erano i migliori amici delle donne
Ecco perché vivere come il nostro cane ci migliora la vita
Ecco perché vivere come il nostro cane ci migliora la vita
Ecco i migliori ostelli in Italia e nel mondo secondo Hostelworld
Ecco i migliori ostelli in Italia e nel mondo secondo Hostelworld
2.316 di CS Design
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni