Un esercito di “tuna crab” ha preso d’assalto le spiagge della California. Decine di migliaia di granchi mutanti, molto simili a delle piccole aragoste, sono usciti dalle acque per prender possesso del litorale di Dana Point, nella Orange County. Questi crostacei, stando a quanto spiegato dagli esperti, vivono solitamente al largo della penisola messicana della Baja California, ma per qualche insolito motivo si sono ora trasferiti in massa, dando vita ad uno spettacolo che non si osservava da decenni.

Una volta giunti a riva sono destinati a morte certa. I granchi mutanti, così sono stati ribattezzati dai tanti curiosi che sono andati a vedere quanto stava accadendo, potrebbero esser stati spinti in California dalle correnti di acqua calda. "Una volta che arrivano così vicino a riva – ha spiegato Donna Kalez, manager del Dana Wharf Sportfishing – non possono andare da nessuna parte, non sono abbastanza forti per nuotare verso il largo".

Trasportati dalle correnti calde. Stando a quanto appurato dai biologi marini, accorsi anche loro per documentare il fenomeno, i granchi protagonisti dell’incredibile spettacolo sono dei "Pleuroncodes planipes", dei particolari crostacei decapodi appartenenti alla famiglia della Galatheide, tipica dell'Oceano Pacifico. Caratterizzati da un colore rosso brillante in alcuni casi possono raggiungere una lunghezza di 13 centimetri. Il nome, tuna crabs, deriva da una loro infausta condizione: sono l'alimento preferito dei tonni, ma anche delle ricciole, delle balene, delle tartarughe e dei gabbiani.