L’adozione di adeguate misure per limitare la diffusione del coronavirus Sars-Cov-2 può aiutare a ridurre dei contagi nelle scuole. A rilevarlo è uno studio pilota condotto negli Stati Uniti con lo scopo di individuare le migliori strategie per tenere aperti gli istituti scolastici durante la pandemia. Queste includono l’uso obbligatorio di mascherine, il distanziamento interpersonale nelle aule, particolare attenzione all’igiene delle mani, la pulizia profonda delle strutture, l’aumento dell’aereazione degli ambienti, il tracciamento dei contatti stretti e il rispetto dell’isolamento e della quarantena.

Come tenere aperte le scuole in sicurezza

L’indagine, che fa parte di una più ampia valutazione che coinvolge i Centers for Disease Controlo and Prevention (CDC), è stata condotta nelle scuole elementari e medie della città di Springfield e della contea di St. Louis, in Missouri, dal 7 al 18 dicembre 2020. Complessivamente, sono state incluse 22 scuole per un totale di 193 persone tra insegnanti, studenti e membri del personale, di cui 37 risultate positive durante le due settimane di studio. Su 156 contatti stretti, in 102 hanno accettato di sottoporsi al test della saliva, e solo due persone sono risultate positive al controllo, indicando una probabile trasmissione secondaria. “Nonostante l’elevata diffusione del virus nella comunità, la trasmissione nelle scuole che hanno implementato le strategie di mitigazione è risultata inferiore a quella della comunità” si legge nel rapporto dei CDC pubblicato su Morbidity and Mortality Weekly Report.

“Questi dati ci hanno suggerito che le scuole possono operare in sicurezza durante la pandemia adottando le opportune strategie di prevenzione dei contagi – ha affermato uno dei principali ricercatori dello studio, Jason Newland, professore di Pediatria della Washington University – . Lo studio pilota ha mostrato una bassa trasmissione nelle scuole e nessuna trasmissione da studente a insegnante. E questo è accaduto durante il picco della pandemia a dicembre, quando registravamo alti tassi di trasmissione nella comunità”.

In aggiunta, a partire da metà gennaio, i ricercatori dei CDC, della Washington University e della Saint Louis University, in collaborazione con i dipartimenti sanitari della contea di St. Louis e di Springfield-Greene, insieme a sei distretti scolastici della contea di St. Louis e di Greene stanno partecipando a uno studio più ampio per esaminare ulteriormente le strategie di prevenzione COVID-19 e le politiche di quarantena. “Siamo lieti di continuare a lavorare a questo progetto – ha affermato Jean Grabeel, direttore dei servizi sanitari per le scuole pubbliche di Springfield – .  I risultati iniziali ci hanno aiutato a verificare gli effetti delle strategie di mitigazione nell’ambiente scolastico. Questo lavoro continuo ci permetterà di migliorare ulteriormente il ritorno a tempo pieno degli studenti alla didattica in presenza, cinque giorni alla settimana, in modo sicuro”.