2.816 CONDIVISIONI
25 Agosto 2021
15:32

Mangiare un hotdog ti toglie mezz’ora di vita: la lista dei cibi “killer”

Lo rivela un team di ricerca statunitense che ha valutato i minuti di vita persi o guadagnati per ogni porzione di oltre 5.800 alimenti in base al loro valore nutrizionale e all’impatto ambientale: “Frutta, verdura, noci, legumi e alcuni frutti di mare possono far guadagnare 48 minuti di vita al giorno”.
A cura di Valeria Aiello
2.816 CONDIVISIONI

Mangiare un hot dog può costare 36 minuti di vita, mentre consumare una porzione di noci potrebbe farne guadagnare 26. Lo rivela un nuovo studio condotto da un team di ricerca della School of Public Health dell’Università del Michigan che ha classificato gli alimenti per minuti di vita persi o guadagnati per porzione.

L’analisi, che ha incluso 5.853 alimenti, divisi in tre tipologie in base al loro valore nutrizionale e all’impatto ambientale, ha evidenziato che sostituire il 10% dell’apporto calorico giornaliero derivante da carne di manzo o carni lavorate con un mix di frutta, verdura, noci, legumi e alcuni frutti di mare, può ridurre di un terzo la cosiddetta impronta di carbonio – la stima delle emissioni di gas serra – della dieta, consentendo di guadagnare 48 minuti di vita al giorno.

Ad ogni alimento, in particolare, è stato attribuito un punteggio, utilizzando 15 fattori di rischio per la salute secondo il Global Burden of Disease, e incrociando questo indice con l’IMPACT World+, un metodo che consente di valutare l’impatto del ciclo di produzione dello stesso alimento – produzione, lavorazione, preparazione/cottura, consumo, rifiuti). Il calcolo ha permesso ai ricercatori di classificare gli alimenti a seconda delle loro prestazioni nutrizionali e ambientali in cibi verdi, gialli e rossi. Tra questi ultimi, le bevande zuccherate, gli hot dog, gli hamburger e i panini dei fast food in generale, che sono risultati associati alla perdita della maggior parte dei minuti di vita sana. Tra i cibi verdi, invece, rientrano la frutta, i mix di verdura e ortaggi non amidacei, i cereali pronti e cereali cotti, che sono stati associati ai maggiori guadagni in termini di minuti di vita.

I dettagli dell’analisi, pubblicati sulla rivista Nature Food, mostrano nello specifico che una porzione da 85 grammi di alette di pollo si traduce in 3,3 minuti di vita persi, mentre un hot dog con wurstel di carne manzo ha comportato la perdita di circa 36 minutiin gran parte a causa dell’effetto dannoso della carne lavorata” hanno scritto gli autori dello studio. Inoltre, i panini con burro di arachidi e gelatina di carne sono stati associati a una perdita di 33 minuti.

Studi precedenti che hanno valutato diete sane o sostenibili hanno spesso ridotto i loro risultati a una discussione sugli alimenti a base vegetale rispetto a quelli a base animale, con quest’ultimo stigmatizzato come il meno nutriente e sostenibile – osservano i ricercatori  – . Anche se evidenziamo che gli alimenti a base vegetale hanno generalmente prestazioni migliori, ci sono notevoli variazioni sia all’interno degli alimenti a base vegetale sia tra quelli a base animale, che dovrebbero essere riconosciute prima di giustificare deduzioni generalizzate”.

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori suggeriscono di diminuire gli alimenti con gli impatti più negativi sulla salute e sull’ambiente, tra cui carne lavorata, manzo, gamberi, seguiti da carne di maiale, agnello e verdure coltivate in serra. Al contempo, gli studiosi consigliano di aumentare il consumo di alimenti più benefici dal punto di vista nutrizionale, tra cui frutta e verdura coltivate in campo, legumi, noci e frutti di mare a basso impatto ambientale.

L'urgenza di cambiamenti nella dieta per migliorare la salute umana e l’ambiente è chiara – ha affermato Olivier Jolliet, professore di scienze della salute ambientale e autore senior dello studio – . I nostri risultati dimostrano che piccole sostituzioni mirate offrono una strategia fattibile e potente per ottenere significativi benefici per la salute e l’ambiente senza richiedere drastici cambiamenti nella dieta”.

2.816 CONDIVISIONI
Mangiare più cibi vegetali fa bene al cuore: meno infarti e malattie cardiovascolari a qualsiasi età
Mangiare più cibi vegetali fa bene al cuore: meno infarti e malattie cardiovascolari a qualsiasi età
Lo smog strappa anni di vita a miliardi di persone: è un killer peggiore del fumo e dell'AIDS
Lo smog strappa anni di vita a miliardi di persone: è un killer peggiore del fumo e dell'AIDS
Durante la pandemia hai iniziato a mangiare per stress? Ecco perché
Durante la pandemia hai iniziato a mangiare per stress? Ecco perché
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni