Mamma elefante salva cucciolo grazie agli umani
in foto: Mamma elefante salva cucciolo grazie agli umani

Nel distretto di Chatra, nello Stato del Jharkhand, India nord-orientale, la popolazione locale, abituata a condividere i propri spazi con gli animali, ha aiutato una mamma di elefante a salvare il figlio rimasto bloccato nel fango. Il tutto è iniziato verso le 20:00, quando i versi disperati dell'elefantessa hanno attirato i cittadini immediatamente accorsi sulla scena, ed è terminato solo 11 ore più tardi.

Un cucciolo di elefante, caduto in una buca, stava cercando invano di risalire mentre la madre, disperata, provava a sollevarlo con la proboscide, rischiando allo stesso tempo di seppellirlo vivo. Purtroppo il terreno fangoso ha reso i soccorsi complicati, infatti, più l'elefantessa cercava di allungarsi verso il piccolo, più sprofondava gettandogli addosso nuova terra. Preoccupati per le sorti degli animali, gli abitanti hanno escogitato un piano per salvarli. Mentre alcuni hanno allontanato la madre dalla buca, attirandola con il cibo, altri hanno rimosso parte della terra che impediva la risalita, al fine di agevolare la femmina nelle operazioni di recupero. Come previsto infatti, una volta ritornata sul luogo dell'incidente, l'elefantessa è stata in grado di prendere il cucciolo con la proboscide e liberarlo. Mamma e figlio si sono poi allontanati insieme per la gioia loro e di tutti gli abitanti del luogo. "Abbiamo recuperato un casco di banane e lo abbiamo adagiato vicino al pozzo, così da far allontanare la mamma – spiega Jitendra Tiwari che era presente sulla scesa e ha aiutato i soccorritori – Una volta distratta ne abbiamo approfittato per togliere la sabbia che si era depositata intorno al pozzo e che impedivano alla madre di salvare il piccolo". Gli elefanti indiani possono misurare fino a 6,4 m di lunghezza e pesare anche 5 tonnellate e dagli anni '90 sono una specie protetta dalle leggi dell'India, che punisce severamente chi non le rispetta.