Credit: Tom Björklund
in foto: Credit: Tom Björklund

I ricercatori dell'Università di Copenaghen sono riusciti ad estrarre un genoma umano completo da una “chewing gum” millenario e, secondo i ricercatori, si tratta di una nuova fonte di DNA antico mai analizzata. Vediamo insieme cosa c’è da sapere su questa scoperta e chi è la ragazzina dell’immagine ricostruita che mastico questo ‘chewing gum’ 5700 anni fa.

Gli esperti raccontano di aver trovato, durante alcuni scavi a Lolland, in Danimarca, i resti di un vecchio tipo di ‘chewing gum’ risalente a 5.700 anni fa realizzato con un pezzo di betulla. Analizzando questo oggetto, gli archeologi sono riusciti ad estrarre un genoma completo umano e si tratta del primo genoma completo antico umano estratto da un oggetto diverso dalle ossa umane.

Un altro aspetto interessante della scoperta è che gli esperti sono riusciti anche a recuperare il DNA da microbi orali e diversi patogeni umani importanti: tutto questo rende questa fonte di DNA molto interessante, soprattutto se si considerano i periodi per i quali non abbiamo resti umano da analizzare.

Ma chi è la persona che masticò 5.700 anni fa un pezzo di betulla? Dalle analisi effettuate si è giunti alla conclusione che l’umano che masticò il pezzo di betulla era una femmina geneticamente legata ai raccoglitori e cacciatori dell’Europa Continentale, più che a quelli Scandinavi di quel tempo. Gli esperti sostengono che questa femmina, ribattezzata Lola, avesse probabilmente la pelle scura, i capelli scuri e gli occhi blu.

I vantaggi di questa scoperta non finiscono qui. Gli esperti fanno sapere infatti che dall’analisi dei batteri trovati potranno comprendere meglio come il loro stile di vita abbia influenzato anche il microbio e come si siano sviluppati nel tempo gli agenti patogeni.

Lo studio, intitolato “A 5700 year-old human genome and oral microbiome from chewed birch pitch”, è stato pubblicato su Nature Communication.