20 Luglio 2018
15:34

Lo smartphone danneggia la memoria degli adolescenti? A rischio chi non usa le cuffie

I cellulari e i campi elettromagnetici che emettono, sopratutto quando c è poco campo, possono danneggiare la memoria degli adolescenti. Uno studio svizzero mette in guardia sull’eccessivo utilizzo di mezzi di telefonia, a causa della loro vicinanza al nostro cervello su cui possono avere un’influenza.
A cura di Lorenzo Fargnoli

Il telefono cellulare può danneggiare la memoria di tuo figlio. Lo smartphone, vero e proprio simbolo del millennio 2000, è onnipresente nelle mani di qualsiasi abitante di questo pianeta. Lo trovi su un grattacelo di New York o in un monastero buddista su qualche montagna sperduta dell'Asia. I ricercatori dell'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) allarmati dalla repentina crescita dell'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) nella nostra vita quotidiana (rilasciati per la maggior parte dai cellulari) e da precedenti studi , sono andati a verificare l'interazione di queste onde con il cervello dei maggiori fruitori, gli adolescenti.

Con la mano sinistra. Lo studio ha valutato l'esposizione a campi elettromagnetici RF-EMF su 700 adolescenti in Svizzera nell'arco di un anno,  concludendo che può avere un effetto negativo sullo sviluppo delle prestazioni della memoria visiva e di fatto confermando i risultati precedenti pubblicati su questo argomento. I ricercatori svizzeri hanno scoperto che una delle cause può essere la vicinanza del cellulare con l'emisfero destro del cervello umano. La memoria visiva infatti è principalmente localizzata in quel emisfero cerebrale e gli adolescenti destri (quindi che usano la destra per telefonare) sembrano avere più problemi di quelli mancini. Altro indizio è che l'invio di messaggi di testo, la riproduzione di giochi o la navigazione in Internet non sono associati al cambiamento di prestazioni della memoria, probabilmente perché in questi casi lo smartphone è tenuto a distanza.

Come evitare i campi elettromagnetici. I ricercatori specificano che nonostante oramai ci siano diversi studi che provino la dannosità dei campi RF-EMF, la ricerca è ancora all'inizio e le cause di questi danni non sono ancora del tutto comprese, ma consigliano "I potenziali rischi per il cervello possono essere ridotti al minimo utilizzando le cuffie o l'altoparlante durante la chiamata, in particolare quando la qualità della rete è bassa e il telefono funziona alla massima potenza."

Disturbo dell'attenzione, a rischio i bimbi che usano troppo lo smartphone
Disturbo dell'attenzione, a rischio i bimbi che usano troppo lo smartphone
Lo stress riduce il cervello già dai 40 anni danneggia la memoria
Lo stress riduce il cervello già dai 40 anni danneggia la memoria
Binge drinking tra adolescenti: rischio dipendenza da alcol per i più giovani
Binge drinking tra adolescenti: rischio dipendenza da alcol per i più giovani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni