Stephen Hawking sulla sua lapide desiderava la Formula di Massa, quella formula cioè che misura l'energia emessa dai buchi neri al momento della loro nascita. A darci questa notizia è Remo Ruffini, il fisico italiano direttore dell'ICRANet (International Centre for Relativistic Astrophysics Network) che ha collaborato a lungo con Hawking, del quale ormai era diventato un amico.

La Formula di Massa. Remo Ruffini ha dichiarato che in più occasioni Hawking ha chiesto di avere sulla sua lapide la Formula di Massa, quella formula matematica che misura l'energia emessa dai buchi neri quando nascono, una sorta di vagito dei giganti cosmici.

L'amicizia con Hawking. Remo Ruffini, direttore del Centro Internazionale per la Rete di Astrofisica Relativistica (IcraNet) e presidente del Centro Internazionale di Astrofisica Relativistica (Icra), ha collaborato per molto tempo con Stephen Hawking con il quale ha elaborato la Formula di Massa. “Dopo un seminario che avevo tenuto a Cambridge, ero stato invitato a cena a casa di Hawking insieme a Kerr” (il matematico neozelandese, Roy Kerr, con il quale venne redatta la formula di massa), dice Ruffini che racconta come, di tutta risposta, lui e Kerr gli abbiano ricordato che in realtà la formula apparteneva a tutti e tre.

L'ironia di Hawking. Remo Ruffini parla con affetto di Hawking che viene descritto come un uomo particolarmente ironico. Una volta lui e Kerr fecero ad Hawking i complimenti per la sua casa e l'astrofisico rispose, ringraziando, di averla costruita lui. "Con la sua ironia e la sua serenità – ha detto ancora l'astrofisico italiano – Hawking per me è stato un esempio di vita unico e sorprendente". Uno dei ricordi più vivi è "il sorriso che aveva negli occhi e il grande affetto tra noi, che ha permeato la mia vita in tutti questi anni".