Che le scimmie fossero in grado di comunicare fra di loro, non è una novità. Adesso però un gruppo di studiosi ha scoperto cosa si dicono e come se lo dicono.

Le scimmie di Campbell comunicano in dialetto
in foto: Le scimmie di Campbell comunicano in dialetto

[Foto da Wikipedia.org]

Comunicare per vivere

Secondo quanto pubblicato sul giornale Linguistics and Philosophy, le scimmie avrebbero modelli comunicativi più sofisticati di quanto si potesse immaginare. “La nostra scoperta dimostra come i cercopitechi di Campbell siano capaci di distinguere tra radici e suffissi e come la combinazione di queste permetta loro di descrivere il tipo di minaccia in agguato e il livello di pericolo”, fa sapere Philippe Schlenker del CNRS (France's National Center for Scientific Research) e professore della New York University.

Così vicine… così lontane

Il gruppo di studiosi, formato da linguisti e primatologi, ha analizzato i messaggi di allarme lanciati da questo tipo di scimmie presenti in due zone distinte: nel parco di Taï, in Costa d'Avorio, dove sono predate dalle aquile e dai leopardi, e nell'Isola di Tiwai, in Sierra Leone, dove invece sono minacciate dalle aquile.

Analisi logica

Radici e suffissi servono alle scimmie per costruire messaggi specifici
in foto: Radici e suffissi servono alle scimmie per costruire messaggi specifici

[Foto da Wikipedia.org]

Gli scienziati ritengono che le scimmie sarebbero in grado di distinguere tra le radici “hok” e “krak” e i suffissi “-oo” e combinarli per descrivere l’entità del pericolo imminente. Ad esempio “hok” significa serio pericolo aereo, mentre “hok-oo” sta per disturbo aereo di vario tipo, si deduce che “-oo” viene utilizzato per sdrammatizzare un evento. Diversamente, se nel parco di Taï, “krak” viene utilizzato per avvisare dell’arrivo di un leopardo, a Tiwai indica pericolo in generale. Insomma, non solo le scimmie comunicano tra loro formando messaggi più o meno complessi, ma hanno dialetti che variano a seconda della regione in cui si trovano. Questo studio permetterà di comprendere come si sviluppi la comunicazione nel mondo animale.