Foto da Wikipedia
in foto: Foto da Wikipedia

Le femmine di rossetto egiziano, un pipistrello che si trova in Africa e in Medio Oriente, creano legami con alcuni maschi in particolare per ottenere cibo in cambio di sesso, e quindi per riprodursi. Questo è quanto hanno scoperto gli scienziati dell’American Friends of Tel Aviv University che hanno osservato il comportamento di questi pipistrelli in cattività. Vediamo insieme cosa c’è da sapere.

Trovare il cibo. Gli esperti hanno osservato che le femmine di rossetto egiziano, che vivono in cattività, prendono costantemente il cibo di cui necessitano direttamente dal maschio con cui si accoppiano, e si sono chiesti il perché di questo comportamento. “Abbiamo notato una forte relazione tra le interazioni alimentari e la riproduzione” in questi animali, afferma l'autore principale, il professor Yossi Yovel della Tel Aviv University.

Un comportamento specifico. In particolare, spiegano gli scienziati, le femmine davano alla luce i cuccioli dei maschi da cui prendevano più spesso il cibo: in pratica, tre o quattro mesi prima dell'accoppiamento, le femmine iniziano a raccogliere cibo da diversi maschi, poi si accoppiano con uno di loro, che è quello che nel tempo ha offerto più cibo.

Lo studio. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno monitorato un anno, in cattività, le interazioni tra i maschi e le femmine di una colonia di pipistrelli egiziani, il rossetto egiziano appunto, e successivamente hanno determinato la paternità dei vari cuccioli nati nell’arco temporale dello studio attraverso test genetici. I risultati hanno dimostrato, senza ombra di dubbio, che le femmine davano alla luce i figli avuti con i maschi che avevano dato loro più cibo. Questo studio supporta la teoria dell’offerta di sesso in cambio di cibo per questa specie di animali.

Ma non finisce qui. Un aspetto interessante dello studio è che le femmine non si sovrapponevano tra loro nella scelta del maschio, questo potrebbe voler dire che la scelta effettuata si baserebbe su preferenze individuali, che però non sono state definite e che comunque sono cambiate durante l’anno di ricerca. Adesso gli scienziati vogliono capire come si evolvano queste relazioni per capire se questo scambio sia presente anche nelle popolazioni selvatiche, o se sia una caratteristiche tipica di quelle in cattività.

Lo studio, intitolato “Food for Sex in Bats Revealed as Producer Males Reproduce with Scrounging Females”, è stato pubblicato su Current Biology.