innovazione

Le cellule delle donne sottoposte a stress tengono duro e sopravvivono, quelle maschili si suicidano

Ricercatori italiani hanno determinato che la differente risposta allo stress delle cellule maschili (XY) e femminili (XX) è legata a componenti molecolari chiamate microRNA, nello specifico potrebbe essere coinvolto quello chiamato miR548am-5p. Le cellule degli uomini sottoposte a stress tendono all'apoptosi (suicidio cellulare), quelle delle donne a resistere e sopravvivere.
Credit: qimono

Sottoposte allo stress, le cellule degli uomini tendono ad attivare un meccanismo di suicidio chiamato apoptosi; quelle delle donne, invece, si preparano ad affrontare il “problema” e resistono, garantendosi la sopravvivenza. Scienziati italiani hanno ora scoperto che a determinare questa differenza, che gioca un ruolo significativo nella Medicina di Genere, è il coinvolgimento di alcuni componenti molecolari chiamati microRNA (MiRNA). Si tratta di piccole sequenze di materiale genetico che regolano l'espressione dei geni e che dunque influenzano sensibilmente funzione e “comportamento” delle cellule. Non a caso sono coinvolti in numerose patologie, da quelle autoimmuni ai tumori, passando per le infezioni.

A scoprire il ruolo dei microRNA nella differente risposta allo stress delle cellule maschili (XY) e femminili (XX) è stato un team di ricerca guidato da scienziati del Centro di Riferimento per la Medicina di Genere dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Medicina Sperimentale, Diagnostica e Specialistica (DIMES) presso l'Università di Bologna, dell'IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna e dello IAC (Institute for Applied Computing) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Roma.

“In generale le cellule maschili (XY) rispondono allo stress andando incontro a morte programmata (apoptosi), una forma di suicidio cellulare regolato; mentre le cellule femminili (XX), in risposta allo stesso stress, attivano meccanismi di sopravvivenza (autofagia) e resistono alla morte cellulare”, ha dichiarato la coautrice dello studio Paola Matarrese. Il microRNA responsabile di queste differenze potrebbe essere quello chiamato miR548am-5p, che gli scienziati hanno trovato presente nelle cellule femminili (nello specifico nei fibroblasti dell'epidermide) in concentrazioni cinque volte superiori rispetto a quelle degli uomini. “L’alto livello del miR548am-5p nelle cellule femminili sarebbe responsabile della maggiore resistenza a diversi tipi di stress, attraverso la regolazione di alcuni geni, come Bax e Bcl2, coinvolti nei meccanismi di morte mediata dai mitocondri”, ha dichiarato la coautrice dello studio Anna Ruggieri.

Poiché geni e componenti molecolari che ne regolano l'espressione possono essere presenti in quantità sensibilmente diverse tra uomo e donna, gli autori della ricerca sottolineano l'importanza di affrontare la biologia dei due sessi con approcci mirati e non generici. Essere uomini o donne, del resto, non solo influenza l’insorgenza e il decorso delle malattie, ma anche il modo in cui il nostro organismo alle terapie. I dettagli dell'affascinante ricerca sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Nature.

CONTINUA A LEGGERE SU FANPAGE.IT

Dalla 'Porta del Diavolo' spunta il DNA di due donne vissute 7.700 anni fa
Come scegliere la vacanza perfetta? Dipende dal lavoro che fai
Lo stress fa davvero venire i capelli bianchi e ora sappiamo perché
Negli abissi c'è una misteriosa colonia di polpi stressati e gli scienziati sono preoccupati
Non nuota ma cammina: il pesce più raro del mondo avvistato in Tasmania. Il video
Sei stressato in questi giorni? È colpa del caldo, ecco perché
Nessun beneficio dal plasma dei guariti per i pazienti COVID: studio “smonta” la terapia
100 cetacei sono morti in uno spiaggiamento di massa avvenuto in Nuova Zelanda
Scoperto il motivo per cui le infezioni da virus dell’influenza possono essere fatali