Laika, la prima astronauta, era un cane, era femmina ed è morta tra atroci sofferenze. A darci la conferma delle cause della morte di Laika è la biologa russa Adilya Kotovskaya che ha dichiarato: “Le ho chiesto di perdonarci e ho pianto quando l'ho accarezzata per l'ultima volta”. Sono passati 60 anni da quel 3 novembre del 1957 quando nello spazio fu lanciato il secondo satellite, lo Sputnik 2, ma ancora è vivo il ricordo di ciò che ha dovuto subire il cane Laika per una missione che, già in partenza, sembrava fallimentare: insomma, la cagnolina poteva essere risparmiata.

Il racconto di Adilya Kotovskaya. “Le ho chiesto di perdonarci e ho pianto quando l'ho accarezzata per l'ultima volta”, queste sono le parole utilizzate dalla biologa russa Adilya Kotovskaya che oggi ha 90 anni e che il 3 novembre 1957 ha dato la sua ultima carezza alla piccola Laika. Ma chi era Laika?

Laika, la randagia astronauta. Laika è stata scelta tra 5 o 6 candidati. Era un cane adulto di circa tre anni, pesava circa sei chili ed era randagia, è stata infatti presa in una strada di Mosca. Di carattere era molto docile e molto intelligente, si è ‘guadagnata' il ruolo di astronauta perché è riuscita a passare tutti i test: ma forse questa è una di quelle situazioni in cui quando si vince in realtà si sta perdendo. Laika infatti è morta tra atroci sofferenze.

Laika, la missione. Ricordiamo che Laika è stata il primo essere vivente ‘spedito' nello spazio per orbitare intorno alla Terra e, visto che ai tempi ancora non era possibile permettere il ritorno in sicurezza del veicolo spaziale, si sapeva già che non sarebbe sopravvissuta. Il suo ruolo consisteva nel permettere ai ricercatori di comprendere se fosse possibile vivere nello spazio in assenza di gravità, il tutto per 8-10 giorni: Laika però è morta poche ore dopo il lancio, dopo aver compiuto 9 orbite intorno alla Terra.

Laika, l'addestramento. Prima ancora di parlare della morte della piccola Laika, va ricordato l'iter dell'addestramento. Laika, così come gli altri cani ‘selezionati', è stata abituata a restare in una capsula pressurizzata di 80 centimetri, che via via sono stati ridotti sempre più, all'interno della quale il movimento era molto difficile: gli esperti spiegano di aver optato per cani femmine proprio perché, secondo loro, hanno bisogno di meno spazio visto che non devono alzare la zampa per fare pipì. E non è tutto. Le cagnoline ‘candidate' sono state anche obbligate a trascorrere molto tempo in una centrifuga che simulava gli effetti della spinta e il rumore del lancio: un po' come avviene ancora oggi per gli astronauti (che però sono consapevoli di ciò che stanno vivendo).

La morte. Lo Sputnik è stato spedito nello spazio alle 5:30 del mattino, ora di Mosca, dal Kazakistan, inizialmente tutto sembrava andare per il meglio: certo, il battito cardiaco di Laika ha subito un'accelerazione al momento del lancio, ma dopo tre ore tutto sembrava tornato alla normalità. Ad un certo punto, durante la nona orbita della Terra, la temperatura all'interno della capsula ha iniziato a salire fino a raggiungere i 40 °C a causa dell'insufficiente isolamento ai raggi del Sole: le condizioni interne per Laika sono così diventate insopportaboli, la cagnolina è morta disidratata, a causa del caldo, nel giro di poche ore.

Versione ufficiale e verità. Laika è morta avvelenata attraverso il cibo per evitarle una morte dolorosa durante il rientro nell'atmosfera terrestre: questa la versione ufficiale di Mosca, oggi però conosciamo la verità. Il corpo carbonizzato di Laika è stato recuperato il 14 aprile 1958 all'interno del satellite precipitato sulle Antille.