35.844 CONDIVISIONI
15 Febbraio 2021
11:31

La vitamina D riduce del 60% le morti per Covid: lo conferma un nuovo studio spagnolo

I risultati indicano un calo del rischio di ricovero in terapia intensiva e una diminuzione della mortalità nei pazienti che sono stati trattati con calcifediolo, il principale metabolita della vitamina D3.
A cura di Valeria Aiello
35.844 CONDIVISIONI

Il trattamento con calcifediolo, il principale metabolita della vitamina D3, ha ridotto significativamente il rischio di ricovero in terapia intensiva e la mortalità nei pazienti ospedalizzati con Covid-19. Lo indicano i risultati di un nuovo studio condotto da un team di ricerca spagnolo su un totale 930 pazienti ricoverati nelle unità Covid dell’Hospital del Mar di Barcellona tra il 1° marzo e il 31 maggio 2020. Di questi, 551 pazienti sono stati trattati con calcifediolo, somministrato per via orale al momento del ricovero in ospedale (due capsule da 266 ug il primo giorno e dosi successive di una capsula da 266 ug al giorno 3, 7, 15 e 30) mentre i restanti 379 pazienti non hanno ricevuto il trattamento.

La vitamina D contro l'infezione da coronavirus

L’indagine, volta a chiarire l’efficacia del trattamento nel ridurre la gravità della malattia, ha indicato che su 551 pazienti trattati, in 30 (5,4%) hanno richiesto assistenza in terapia intensiva rispetto ad 80 (21,1%) su 379 pazienti non trattati. L’analisi statistica ha inoltre rivelato differenze significative in termini di mortalità, con 36 pazienti (6,5%) deceduti su 551 trattati con calcifediolo rispetto a 57 pazienti (15%) su 379 non trattati. Un dato che, corretto per livelli di vitamina D, età, sesso e comorbidità, ha mostrato che il trattamento ha ridotto la mortalità di oltre il 60%.

Complessivamente, spiegano gli autori dello studio, “abbiamo osservato che nei pazienti Covid ospedalizzati, il trattamento con calciferolo ha ridotto la necessità di terapia intensiva di oltre l’80%. È importante anche sottolineare – aggiungono gli studiosi – che la somministrazione precoce, prima dello sviluppo dell’insufficienza respiratoria acuta (ARDS) è determinante nella riduzione della mortalità e che l’inizio del trattamento dopo il ricovero in terapia intensiva non ha modificato la sopravvivenza dei pazienti”.

I dati, disponibili su Preprint with The Lancet, confermano inoltre che l’età e l’obesità sono fattori di rischio aggiuntivi. Le due condizioni “sono associate alla gravità di Covid e a scarsi risultati in più studi – indicano i ricercatori – e allo stesso tempo sono fattori di rischio ben stabiliti per la carenza di vitamina D”.

Pertanto, concludono gli studiosi, i risultati di questa ricerca “indicano la rilevanza di una determinazione adeguata della vitamina D il prima possibile nel contesto dell’infezione da coronavirus Sars-Cov-2. Questo è particolarmente importante poiché la carenza è frequente ma facilmente correggibile, sebbene siano necessari ulteriori studi per chiarire gli effetti dei livelli circolanti di vitamina D e D3 sulla gravità della malattia in persone con diversi stati di vitamina D al basale”.

35.844 CONDIVISIONI
La vitamina D potrebbe non proteggere dalla Covid, come ritenuto fino ad oggi
La vitamina D potrebbe non proteggere dalla Covid, come ritenuto fino ad oggi
Queste vitamine possono ridurre il rischio di Covid nelle donne
Queste vitamine possono ridurre il rischio di Covid nelle donne
L'integrazione di Vitamina D nei pazienti Covid carenti può ridurre i rischi di ventilazione e morte
L'integrazione di Vitamina D nei pazienti Covid carenti può ridurre i rischi di ventilazione e morte
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni