306 CONDIVISIONI
27 Luglio 2021
16:50

La variante Delta è sintomo di una minaccia più grande: il rifiuto del vaccino

Il rifiuto del vaccino alla base dell’aumento dei casi di variante Delta: “Se fosse stata vaccinata una fascia più ampia della popolazione, non ci sarebbe stata una rinascita della variante Delta, della variante Alpha o di qualsiasi altra versione del coronavirus”.
A cura di Valeria Aiello
306 CONDIVISIONI

Gli Stati Uniti sono davanti a un nuovo bivio della pandemia, con casi di Covid in aumento, una media di 51mila contagi al giorno e un tasso di infezione quattro volte più alto di un mese fa. Secondo il portale della John Hopkins University dedicato al Covid, negli Usa sono state completamente vaccinate 163 milioni di persone, il 49,7% della popolazione vaccinabile. Ancora poche secondo le autorità che nelle ultime 24 ore hanno registrato un nuovo picco di casi, 88mila, e quasi 270 decessi in un giorno.

Se fosse stata vaccinata una parte più ampia della popolazione, non ci sarebbe stata una rinascita della variante Delta, della variante Alpha o di qualsiasi altra versione del coronavirusosserva al New York Times la reporter Apoorva Mandavilli -. Gli Stati Uniti potrebbero nuovamente vedere ospedali straripanti, operatori sanitari esausti e migliaia di morti inutili. La colpa potrebbe essere della variante Delta più contagiosa, ma ad alimentare la sua ascesa è un nemico più vecchio e più familiare: l’esitazione e il rifiuto del vaccino, a lungo pervasivi negli Stati Uniti”.

Anche se le forme di Covid di lieve entità possono essere più comuni di quanto si pensasse, i vaccini prevengono efficacemente dal rischio di malattia grave e morte. “Eppure quasi la metà della popolazione rimane non vaccinata e non protetta. Circa il 30% degli adulti non ha ricevuto nemmeno una singola dose e la percentuale è molto più alta in alcune parti del Paese – precisa Mandavilli – . L’America è uno dei pochi paesi con abbastanza vaccini a sua disposizione per proteggere ogni residente, eppure ha i più alti tassi di esitazione o rifiuto al vaccino di qualsiasi altra nazione, tranne la Russia”.

Per mesi, gli esperti di salute pubblica “hanno avvertito inutilmente che il virus – qualsiasi versione di esso – sarebbe risorto se il Paese non avesse vaccinato abbastanza rapidamente la popolazione”.

Bill Hanage, un epidemiologo della Harvard TH Chan School of Public Health, aveva previsto a gennaio che in Florida ci sarebbe stata “un’estate difficile”. Al momento, una nuova infezione su cinque negli Stati Uniti è in Florida. “È vero, la velocità e la ferocia con cui la variante Delta sta attraversando l’Asia, l’Europa, l’Africa e ora il Nord America ha colto di sorpresa molti esperti. Ora rappresenta circa l’83 percento delle infezioni negli Stati Uniti”.

La variante Delta non è la sola in circolazione negli Usa. Anche le varianti Gamma e Lambda, per la prima volta identificate in Brasile e Perù rispettivamente, fanno registrare più casi di infezione. “Ogni persona infetta, in qualsiasi parte del mondo, offre al coronavirus un'altra opportunità di trasformarsi in una nuova variante: più infezioni ci sono a livello globale, più è probabile che si presentino nuove varianti. Gli Stati Uniti saranno vulnerabili a ognuno di loro fino a quando non potranno immunizzare milioni di persone che ora si rifiutano di ricevere il vaccino, sono ancora persuasibili ma esitanti o non hanno ancora ottenuto l'accesso. I non vaccinati daranno fuoco al Paese ancora e ancora”.

306 CONDIVISIONI
Quali sono i sintomi della variante Omicron e perché sono diversi da quelli di Delta
Quali sono i sintomi della variante Omicron e perché sono diversi da quelli di Delta
20 di Videonews
Il vaccino cubano Abdala è efficace al 90% contro la variante Delta
Il vaccino cubano Abdala è efficace al 90% contro la variante Delta
Se hai questi sintomi potresti avere la variante Delta del coronavirus
Se hai questi sintomi potresti avere la variante Delta del coronavirus
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni