201 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Novembre 2021
12:31

La terza dose di vaccino Covid fa raggiungere una protezione più alta del ciclo a due dosi

Lo mostrano i risultati dal mondo reale nel Regno Unito dove la campagna di richiamo con il siero di Pfizer-BioNTech sta avendo un impatto significativo sulla protezione degli over 50.
A cura di Valeria Aiello
201 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La dose booster con il vaccino di Pfizer-BioNTech spinge la protezione a livelli ancora più alti del ciclo vaccinale a due dosi. Lo mostrano i risultati del primo studio nel mondo reale condotto nel Regno Unito, dove la campagna di richiamo per le persone di età pari e superiore ai 50 anni sta avendo impatto significativo nel ridurre il rischio di infezione sintomatica da Sars-Cov-2.

L’analisi indica che due settimane dopo la terza dose, la protezione dalle forme sintomatiche di Covid-19 è del 93,1% per coloro che hanno ricevuto il siero di Astrazeneca come ciclo di vaccinazione primario. Per chi aveva invece ricevuto due dosi di Pfizer-BioNtech, la terza dose dello stesso vaccino ha portato la protezione al 94%. Entrambi i tassi sono superiori alla protezione contro l’infezione riscontrata dopo aver completato la vaccinazione iniziale a due dosi.

Efficacia contro l’infezione sintomatica (AZ = AstraZeneca; PF = Pfizer–BioNTech; VE = efficacia della vaccinazione rispetto ai non vaccinati; rVE = efficacia relativa rispetto a due dosi)
Efficacia contro l’infezione sintomatica (AZ = AstraZeneca; PF = Pfizer–BioNTech; VE = efficacia della vaccinazione rispetto ai non vaccinati; rVE = efficacia relativa rispetto a due dosi)

Il rapporto, elaborato dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) e pubblicato in preprint su MedRxiv, ha preso in considerazione l’impatto del programma di richiamo nelle persone di età pari o superiore a 50 anni perché studi precedenti hanno indicato che l’efficacia dei vaccini diminuisce in maniera più significativa tra le persone più anziane e in quelle con condizioni di salute pregresse. L’analisi è anche la prima a considerare l’efficacia della dose di richiamo in chi ha ricevuto un vaccino diverso da Pfizer-BioNtech come primo ciclo vaccinale.

Tuttavia, gli autori del rapporto affermano che è ancora troppo presto per valutare in che misura la dose booster protegga dalle forme più gravi di Covid-19. “A causa dei piccoli numeri in questa fase iniziale del lancio della campagna di richiamo, questo studio valuta solo il rischio di forme sintomatiche della malattia – si legge nel rapporto – . Attualmente non c’è un follow-up tale da stimare gli effetti sulla malattia grave che porta al ricovero e alla morte. Per lo stesso motivo siamo solo in grado di segnalare i primi effetti del programma di richiamo e non è ancora chiaro quanto tempo durerà la protezione dalla malattia dopo il richiamo”.

Nel Regno Unito, la campagna terza dose per gli adulti di età pari o superiore a 50 anni è partita dallo scorso 14 settembre e attualmente è stata estesa anche a chi ha almeno 40 anni. Finora nel Paese sono state somministrate 12,8 milioni di terze dosi.

201 CONDIVISIONI
29630 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni