I più antichi resti umani trovati in Polonia sono di 100.000 anni fa e si tratta di ossa di una mano di un bimbo di Neanderthal digerite da un uccello gigante. Questo è quanto fanno sapere gli stessi ricercatori polacchi che adesso pubblicano le immagini della loro scoperta. Vediamo gli entusiasmanti risultati della scoperta e capiamo perché le ossa della mano di un bambino fossero dentro lo stomaco di un uccello gigante.

Ossa ‘vecchie' 115.000 anni. I ricercatori che hanno lavorato alla cava Ciemna fanno sapere di aver trovato un paio di anni fa dei resti di ossa attribuibili alla mano di un bambino, due falangi, come hanno confermato gli antropologi Anita Szczepanek della Jagiellonian University di Cracovia e Erik Trinkaus della Washington University di St. Louis. “ Le analisi mostrano che questi resti sono passati attraverso il tratto digerente di un grande uccello. Si tratta del primo esempio conosciuto dall'Era Glaciale – spiegaon gli esperti.

Come hanno fatto le falangi a finire nello stomaco dell'uccello gigante. Secondo gli scienziati sono diverse le ipotesi che potrebbero spiegare come le falangi siano finite dentro lo stomaco dell'uccello. Il bambino di Neanderthal, presumibilmente tra i 5 e i 7 anni, potrebbe essere stato attaccato dall'uccello gigante che potrebbe avergli staccato le dita. Un'altra teoria invece sostiene che l'uccello abbia mangiato il bambino già deceduto. Una risposta definitiva, almeno per ora, non è possibile averla.

Una scoperta unica. Le ossa, della lunghezza di circa un centimetro, sono mal conservate e non è stato possibile effettuare un'analisi del DNA, ma gli esperti non hanno dubbi che si tratti di resti di Neanderthal vista e considerata la profondità in cui sono stati trovati sotto la superficie della terra. In realtà le falangi sono state trovate un paio di anni fa, ma erano rimaste mischiate insieme a resti di animali, solo dopo i ricercatori hanno compreso che si trattava di Neanderthal. La scoperta è importante perché in Polonia sono pochissimi i resti che dimostrano il passaggio 300.000 anni fa dei Neanderthal che ricordiamo essere nostri ‘fratelli e non antenati che appartengono alla linea dell'homo sapiens che però si è estinta prima.