Coronavirus
8 Ottobre 2020
12:03

La pandemia di Covid-19 preoccupa più le donne degli uomini: lo rileva uno studio Usa

Le donne temono maggiormente il rischio di contagio e sono più preoccupate degli uomini di contrarre il virus al lavoro: “Donne sostanzialmente più caute riguardo alla necessità di precauzioni per quanto riguarda Covid-19”.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La pandemia di Covid-19 preoccupa più le donne degli uomini. Lo rileva lo studio condotto dal Dartmouth College e dalla società americana Gallup, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Politics & Gender. Le donne, spiegano gli autori dello studio, temono maggiormente il contagio e sono più preoccupate degli uomini del rischio Covid-19 al lavoro. “Gli uomini hanno una minore probabilità delle donne di incoraggiare l’uso di precauzioni e misure di contrasto nei confronti del virus – spiega in una nota la coautrice, Deborah Jordan Brooks, professore associato del Dartmouth College  –  e sono molto più ottimisti riguardo al ritorno alla normale vita lavorativa rispetto alle loro colleghe.

Covid-19 preoccupa più le donne degli uomini

Lo studio si basa su un sondaggio online realizzato attraverso domande sulle preoccupazioni determinate dalla pandemia, sulle preferenze individuali e sulla struttura del posto di lavoro. I ricercatori hanno esaminato in che modo le opinioni nei confronti del contagio da coronavirus Sars-Cov-2 possano variare in base al sesso, al lavoro e partito politico. Differenze sostanziali sono state osservate uomini e donne repubblicani, indipendenti e democratici. "Il posizionamento di molti repubblicani di alto profilo, incluso il presidente Trump, riguardo a una minima necessità di precauzioni per quanto riguarda Covid-19 non corrisponde alle preferenze delle donne sostanzialmente più caute” ha aggiunto Jordan Brooks .

Una delle domande del sondaggio chiedeva quale fosse il  migliore consiglio da dare alle persone senza sintomi, altrimenti sane: se rimanere in casa il più possibile per evitare di contrarre o diffondere il coronavirus, oppure condurre una vita il più possibile normale per evitare interruzioni nel lavoro e negli affari. I risultati hanno mostrato che il 40% degli uomini e il 28% delle donne pensano che sia meglio cercare di condurre una vita normale. Alla domanda “In quanto tempo torneresti alle normali attività quotidiane se non ci fossero restrizioni” il 37% degli uomini ha risposto “In questo momento” rispetto al 24% delle donne.

Le lavoratrici, inoltre, si sono rivelate più preoccupate degli uomini riguardo al rientro al lavoro in sicurezza. Pensano, inoltre, che le misure di restrizione dureranno più di un anno e preferirebbero lavorare a distanza. “I dati indicano che gli uomini sono molto più ottimisti riguardo al ritorno alla vita normale lavorativa e percepiscono Covid-19 come un rischio minorefanno notare i ricercatori – Risultati che sembrano particolarmente evidenti alla luce del fatto che la ricerca indica una mortalità significativamente maggiore negli uomini rispetto alle donne”.

27425 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni