25 Maggio 2021
11:04

La maggior parte dei bambini con sindrome infiammatoria post-Covid guarisce entro 6 mesi

Lo indicano i dati di un nuovo studio che ha valutato i postumi dell’infezione da coronavirus in un gruppo di bambini ricoverati nel Regno Unito con MIS-C: “Nonostante la gravità della malattia iniziale, sono state osservate poche conseguenze a lungo termine, tra cui debolezza muscolare, ansia e instabilità emotiva”.
A cura di Valeria Aiello

La maggior parte dei bambini colpiti dalla grave condizione associata all’infezione da coronavirus, nota come sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C), guarisce entro 6 mesi, anche se in alcuni casi il recupero ha richiesto riabilitazione fisica o supporto neuro-psicologico. Lo indicano i dati di un nuovo studio pubblicato sulla rivista The Lancet Child & Adolescent Health che valutato i postumi di Covid-19 in un gruppo di 46 bambini (età media 10 anni) ricoverati presso il Great Ormond Street Hospital di Londra tra il 4 aprile e il 1° settembre 2020.

I postumi di Covid-19 nei bambini

I piccoli pazienti (30 bambini e 16 bambine) appartenevano per l’80% a gruppi etnici minoritari (principalmente afro-caraibici e asiatici) e otto soffrivano di patologie preesistenti (quattro presentavano disturbi dello spettro autistico, due erano affetti da anemia falciforme, uno da diabete di tipo 1 e uno da spina bifida; un paziente aveva sia autismo che anemia falciforme).

Nella maggior parte dei casi, indicano i risultati dello studio, i bambini hanno sperimentato un significativo coinvolgimento multiorgano durante le prime fasi della MIS-C – compresi disturbi gastrointestinali (98%), neurologici (52%) e cardiaci (33%) – che per lo più si è risolto entro 6 mesi dalla dimissione dall’ospedale. “Nonostante la grave malattia iniziale – osservano i ricercatori – sono state osservate poche sequele organo-specifiche a 6 mesi. Le più comuni includevano debolezza muscolare, problemi neurologici, ansia e instabilità emotiva”.

Tutti i bambini (tranne uno) sono tornati a scuola in presenza o attraverso la didattica online, sebbene alcuni abbiano continuato a mostrare stanchezza persistente, difficoltà di esercizio ed effetti sulla salute mentale. “I livelli di affaticamento e debolezza riscontrati a sei mesi sono preoccupanti e richiedono un attento monitoraggio – ha spiegato la dottoressa Katyn Moshal del Dipartimento di Malattie Infettive Pediatriche del GOSH e autrice corrispondente dello studio – . È però difficile determinare se questa condizione sia causata direttamente dalla MIS-C o se sia il risultato dell’abbandono delle attività della vita quotidiana dei bambini che la pandemia di Covid-19 ha provocato su scala più ampia. Pertanto, è fondamentale continuare a monitorare queste condizioni mentre si allentano le misure di allontanamento sociale e i bambini tornano a frequentare la scuola e a routine più attive”.

Scoperta la causa della sindrome infiammatoria post Covid nei bambini
Scoperta la causa della sindrome infiammatoria post Covid nei bambini
Perché alcuni bambini vengono colpiti dalla grave sindrome infiammatoria post Covid
Perché alcuni bambini vengono colpiti dalla grave sindrome infiammatoria post Covid
La metà dei bambini colpiti dalla sindrome infiammatoria post Covid mostra problemi neurologici
La metà dei bambini colpiti dalla sindrome infiammatoria post Covid mostra problemi neurologici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni