366 CONDIVISIONI
14 Ottobre 2021
17:20

La fine dell’ossigeno soffocherà la maggior parte della vita sulla Terra

Lo indicano i risultati di uno studio sulla durata dell’atmosfera ossigenata del nostro pianeta: “Il calo sarà molto estremo, circa un milione di volte meno ossigeno di quello che c’è oggi”.
A cura di Valeria Aiello
366 CONDIVISIONI

In futuro, la nostra atmosfera tornerà ad essere ricca di metano e povera di ossigeno. Quando questo cambiamento arriverà, probabilmente tra qualche miliardo di anni, tutto accadrà abbastanza rapidamente, riportando il nostro pianeta a qualcosa di simile al Grande Evento di Ossigenazione di circa 2,4 miliardi di anni fa. Lo afferma un team di ricerca della Toho University di Funabashi, in Giappone, che ritiene improbabile che l’ossigeno atmosferico sia una caratteristica permanente dei mondi abitabili in generale.

Secondo i calcoli eseguiti dai ricercatori, la storia abitabile del pianeta ricco di ossigeno potrebbe rappresentare solo il 20-30 percento della durata della vita della Terra nel suo insieme. “Il modello prevede che una deossigenazione dell’atmosfera, con l’O2 atmosferico che scende bruscamente a livelli che ricordano la Terra Archea, sarà molto probabilmente innescato prima dell’inizio delle condizioni di serra umida nel sistema climatico terrestre e prima della vasta perdita di acqua superficiale dall'atmosfera” scrivono i ricercatori nel loro articolo pubblicato su Nature Geoscience. A quel punto sarà la fine per gli esseri umani e la maggior parte delle altre forme di vita che fanno affidamento sull’ossigeno, mentre la vita microbica continuerà probabilmente ad esistere ancora per molto tempo.

Per giungere a tali conclusioni, i ricercatori hanno eseguito modelli dettagliati della biosfera terrestre, tenendo conto dei cambiamenti nella luminosità del Sole e del corrispondente calo dei livelli di anidride carbonica, poiché il gas viene scomposto dall’aumento dei livelli di calore. Meno anidride carbonica significa meno organismi fotosintetizzanti come le piante, il che comporterebbe meno ossigeno entro il prossimo miliardo di anni.

Gli scienziati avevano precedentemente previsto che l’aumento della radiazione solare avrebbe spazzato via le acque oceaniche dalla Terra entro circa due miliardi di anni, ma il nuovo modello – basato su una media di poco meno di 400.000 simulazioni – afferma che la riduzione dell’ossigeno ucciderà prima la vita. “Il calo di ossigeno è molto, molto estremo – ha detto a New Scientist  all’inizio di quest’anno lo scienziato terrestre Chris Reinhard, del Georgia Institute of Technology . Stiamo parlando di circa un milione di volte meno ossigeno di quello che c'è oggi”.

Ciò che rende lo studio di rilevo sono le sue implicazioni nella ricerca di pianeti abitabili al di fuori del Sistema Solare. “I nostri dati sottolineano la necessità di robuste biofirme atmosferiche, oltre l’ossigeno, applicabili ad atmosfere di esopianeti debolmente ossigenate e anossiche” osservano gli studiosi, evidenziando il potenziale della foschia organica atmosferica durante le fasi terminali dell’abitabilità planetaria. “Dopo un evento di deossigenazione, l’atmosfera è caratterizzata da un elevato livello di metano, bassi livelli di CO2 e assenza di strato di ozono – indicano i ricercatori – . Quando accadrà, il sistema Terra sarà probabilmente un mondo per forme di vita anaerobiche”.

366 CONDIVISIONI
L'ossigeno alla base della vita donato dal rallentamento della rotazione terrestre: com'è possibile
L'ossigeno alla base della vita donato dal rallentamento della rotazione terrestre: com'è possibile
Quando finirà la vita sulla Terra secondo la scienza
Quando finirà la vita sulla Terra secondo la scienza
Vita aliena possibile in un sistema vicino alla Terra: scoperto pianeta nella zona abitabile
Vita aliena possibile in un sistema vicino alla Terra: scoperto pianeta nella zona abitabile
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni