La Cina ha ufficialmente dato il via al suo nuovo progetto di stazione spaziale permanente in orbita intorno alla Terra. È successo in queste ore con il lancio del primo dei tre moduli della stazione spaziale Tiangong, o Palazzo Celeste. Il modulo in questione rappresenta il fulcro della futuro stabilimento orbitale cinese, ed è decollato dal centro di lancio di Wenchang – sull'isola tropicale di Hainan – alle 11:23 ora locale, mentre in Italia non era ancora l'alba.

Il lancio del modulo

Battezzata Tianhe, o Armonia Celeste, la componente pesa 22 tonnellate ed è stata spedita in orbita dal lanciatore pesante cinese Lunga Marcia 5, che ha debuttato nel 2016; il modulo appena decollato sarà il luogo dove i futuri residenti della Tiangong passeranno la maggior parte del loro tempo nel corso delle missioni che li vedranno impegnati in orbita.

I prossimi lanci in calendario

Nelle prossime settimane sono previsti altri lanci nello spazio che daranno ufficialmente il via alle operazioni all'interno della futura stazione spaziale. Il primo è previsto per il 20 maggio, ed equipaggerà il modulo con rifornimenti tecnici e provviste; la prima missione con equipaggio umano a bordo è invece in calendario per la metà di giugno, e prevede l'invio dei primi tre inquilini sul modulo Tianhe, sui sei posti totali a disposizione a bordo.

Quando sarà completata

I rimanenti due moduli della stazione spaziale arriveranno soltanto più in là: Wentian e Mengtian saranno lanciati e uniti alla piattaforma centrale entro la fine del 2022. Il Palazzo Celeste, una volta completato, avrà una stazza di circa 100 tonnellate, ragguardevole ma comunque minore rispetto a quella della Stazione Spaziale Internazionale, di circa 4 volte più grade; stazionerà in orbita a una distanza compresa tra i 340 e i 450 chilometri dal nostro pianeta, per rimanervi dai 10 ai 15 anni.