17 Novembre 2021
16:10

La cannabis in gravidanza aumenta lo stress e l’aggressività nel bambino

Lo rivelano i risultati di un nuovo studio che ha riscontrato un aumento dei livelli di ansia, aggressività e iperattività nei bambini nati da madri che hanno assunto questo farmaco cannabinoide durante la gestazione.
A cura di Valeria Aiello

L’utilizzo di cannabis come medicinale, o cannabis terapeutica, durante la gravidanza riduce l’espressione di alcuni geni di attivazione immunitaria nella placenta, con conseguente aumento dei livelli di ansia, aggressività e iperattività nel bambino. Lo rivelano i risultati di un nuovo studio condotto negli Stati Uniti, dove l’uso di questo farmaco cannabinoide è autorizzato per il trattamento di diversi disturbi.

Sappiamo che i cannabinoidi svolgono un ruolo nella modulazione dello stress, motivo per cui alcune persone utilizzano la cannabis per ridurre l’ansia e rilassarsi – ha affermato l’autore principale della ricerca, lo psicologo Yoko Namura della Icahn School of Medicine a Mount Sinai di New York – . Ma il nostro studio mostra che l’assunzione in gravidanza ha l’effetto opposto sui bambini, causando un aumento di ansia, aggressività e iperattività rispetto ai bambini che non sono stati esposti alla cannabis durante la loro gestazione”.

La ricerca ha coinvolto 322 coppie madre-figlio che hanno preso parte a uno studio a lungo termine sullo stress in gravidanza. A circa sei anni di età, ogni bambino è stato valutato per i tratti neurocomportamentali, per i livelli dell’ormone dello stress (cortisolo) attraverso l’analisi del capello e la variabilità della frequenza cardiaca a riposo e in presenza di stimoli uditivi. Per un sottogruppo di bambini, i ricercatori hanno anche analizzato campioni di placenta raccolti alla nascita, che sono stati elaborati per il sequenziamento dell’RNA. “L’analisi del capello ha rilevato un aumento del livello di cortisolo nei bambini nati da madri che avevano assunto cannabis in gravidanza – indicano gli studiosi nel loro lavoro pubblicato su PNAS – . Questi bambini mostravano anche una bassa variabilità della frequenza cardiaca, che è associata a molteplici disturbi legati all’ansia sia nei bambini sia negli adulti e rappresenta un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”.

Il sequenziamento dell’RNA della placenta ha inoltre rivelato una riduzione dell’espressione di geni associati alla funzione del sistema immunitario nelle madri che avevano fatto uso di cannabis. Tra i geni interessati, c’erano quelli che aiutano a difendersi dai patogeni, regolando le citochine proinfiammatorie e i marcatori del tipo di cellula immunitaria. La soppressione di questi geni era direttamente correlata con i livelli di ansia mostrati nei bambini, supportando le osservazioni sull’impatto della cannabis sui tratti neurocomportamentali.

Nel complesso, i nostri risultati rivelano una relazione tra l’uso materno di cannabis e i geni che regolano la risposta immunitaria nella placenta come potenziale mediatore del rischio di problemi legati all’ansia nella prima infanzia” spiegano gli studiosi che, pur precisando che si tratta di un studio su un numero limitato di bambini, sottolineano i rischi per le donne in stato in gravidanza associati all’uso di questo tipo di farmaci. “La loro assunzione durante la gravidanza può avere un impatto a lungo termine sui bambini, aumentando i livelli di ansia, aggressività e iperattività infantile”.

Ora sappiamo perché la cannabis puzza
Ora sappiamo perché la cannabis puzza
Mezzora di svapo con la sigaretta elettronica aumenta fino a 4 volte lo stress ossidativo cellulare
Mezzora di svapo con la sigaretta elettronica aumenta fino a 4 volte lo stress ossidativo cellulare
La variante Delta ha causato un drastico aumento di bambini e adolescenti ricoverati per Covid
La variante Delta ha causato un drastico aumento di bambini e adolescenti ricoverati per Covid
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni