L'Universo si sta progressivamente spegnendo. Come un organismo vivente anche il Cosmo, che ospita miliardi di galassie e una quantità incalcolabile di stelle, sta progressivamente consumando la sua energia. E’ quanto scoperto dal professor Simon Driver e dalla sua equipe di astrofisici del Centro Internazionale per la ricerca radioastronomica (Icrar). Gli esperti, dopo aver analizzato oltre 200 mila galassie, hanno notato che l’energia prodotta dalle stesse è in rapida diminuzione.

Il Cosmo si sta "spegnendo". I fisici, grazie ai dati raccolti con i 7 telescopi più potenti del mondo, hanno notato che l’energia generata dalle galassie si è ridotta del 50% nell’arco degli ultimi due miliardi di anni, e il processo di “spegnimento” sembra ancora in corso. “L’Universo – commenta Driver – è destinato al declino e ad un invecchiamento senza fine. Il Cosmo si trova ora su un comodo divano e, con una coperta sulle gambe, sta per assopirsi in un pisolino eterno”.

Alla fine l'Universo sarà un luogo freddo. Il fisico ha spiegato che tutta l’energia è stata creata al momento del Big Bang. “La maggior parte dell’energia è stata creata a seguito del Big Bang – precisa il ricercatore dell’Icrar – mentre altra energia viene costantemente rilasciata dalle stelle a seguito della fusione di elementi come idrogeno ed elio. Questa nuova energia rilasciata viene assorbita dalla polvere mentre viaggia attraverso la galassia, oppure si disperde nello spazio intergalattico finché colpisce qualcosa come un altra stella, un pianeta oppure, occasionalmente, uno specchio di un telescopio”.

Il diclino riguarda tutte le lunghezze d’onda della luce. Il nuovo studio non annuncia nulla di nuovo ma, per la prima volta, dimostra che il diclino dell’Universo sta avendo luogo attraverso tutte le lunghezze d’onda della luce, dall’ultravioletta all’infrarosso. La ricerca, parte del Galaxy and Mass Assembly project, rappresenta la più grande indagine multi-lunghezza d’onda mai realizzata. I risultati dello studio sono stati presentati nel corso dell’International Astronomical Union a Honolulu, nelle Hawaii.