La ketamina e il botulino hanno effetti antidepressivi che riducono del 50% i sintomi di questa condizione. A darne conferma sono i ricercatori della University of California San Diego che hanno analizzato il database della FDA che raccoglie gli effetti indesiderati di queste sostanze sui soggetti che soffrono di depressione. Lo studio, intitolato “Population scale data reveals the antidepressant effects of ketamine and other therapeutics approved for non-psychiatric indications”, è stato pubblicato su Scientific Reports.

Ketamina, cos'è. La ketamina è una farmaco che viene utilizzato come anestetico rapido negli interventi chirurgici di breve durata. I suoi effetti allucinogeni ed eccitanti hanno fatto si che la ketamina venisse utilizzata anche come vera e propria sostanza stupefacente da iniettare, ingerire o inalare.

Lo studio. Analizzando 41.000 casi, i ricercatori hanno scoperto che i soggetti che assumevano la ketamina insieme ad altri farmaci contro il dolore, mostrano il 50% in meno di sintomi delle depressione rispetto a coloro che assumevano altri farmaci o combinazioni di farmaci antidolorifici. Inoltre, i pazienti che assumevano ketamina mostravano meno frequentemente gli effetti collaterali tipici degli oppioidi, come la costipazione. Si tratta della prima volta in cui uno studio è riuscito a dimostrare i reali effetti della ketamina sulle depressione.

Botulino. Ma non è tutto. I ricercatori hanno scoperto che anche il botulino aiuta contro la depressione. Il botulino di solito viene impiegato a livello cosmetico per trattare le rughe e a livello medico contro le emicranie. Analizzandone gli effetti, gli scienziati hanno scoperto che il botulino riesce ad avere effetti antidepressivi, anche se non è chiaro ancora come ci riesca.

[Foto copertina di RyanMcGuire]