Lei si chiama Jo Cameron, ha 71 anni e quando ne aveva 66 ha scoperto di avere una mutazione genetica in grado di spiegare come mai le non senta dolore, né provi mai ansia. Vediamo insieme perché Jo Cameron, una specie di Wonder Woman reale, non abbia la percezione del dolore, quali sono i rischi di questa condizione e le conseguenze positive per tutti noi.

Una vita senza ansia e dolore, che sogno. Jo Cameron racconta che per tutta la vita ha vissuto senza mai provare dolore né ansia e, solo in rarissimi casi, ha assunto antidolorifici: non ha sentito nulla neanche durante il travaglio e il parto. Una volta addirittura è stata coinvolta in un incidente d’auto dalla quale è uscita sulle sue stesse gambe senza essere spaventata o preoccupata, pur riportando sul corpo diverse ferite, che non le provocavano alcun dolore.

Una mutazione genetica scoperta per caso. Un giorno però finalmente qualcuno ha iniziato a capire che Jo Cameron ‘nascondeva’ qualcosa di speciale. Per tre anni la donna si è recata in ospedale e dal suo medico di famiglia per alcune anomalie all’anca, ma, non provando dolore, nessuno ha mai indagato a fondo per comprendere le cause della sua condizione. Finalmente sottoposta a raggi X, la signora Cameron ha scoperto di soffrire di un deterioramento dell’articolazione, una diagnosi per la quale ci si aspetterebbe un paziente molto dolorante. Operata all’anca, che le è stata sostituita, Cameron ha avuto bisogno di solo un paio di compresse di paracetamolo per riprendersi, in quel contesto però i medici si sono accorti anche che soffriva di osteoporosi ed è stata operata alla mano: anche in questa caso nessun dolore. Il caso di Jo Cameron è stato dunque segnalato agli esperti della UCL di Londra.

Lo studio della UCL. Gli scienziati dalla UCL hanno così preso in esame il caso di Jo Cameron e hanno scoperto che due mutazioni genetiche erano la causa dell’assenza di dolore e stress e non solo, spiegavano infatti anche come mai la donna tendesse a dimenticare molte cose in fretta e fosse sempre di buon umore. Le conseguenze di queste due mutazioni genetiche combinate sono interessanti non solo per spiegare il caso specifico di Jo Cameron e quello del figlio della donna, che sembra mostrare gli stessi sintomi, ma anche per questioni scientifiche. Gli esperti fanno sapere infatti che grazie a Jo Cameron sperano un domani di creare e produrre una nuova classe di antidolorifici molto più naturali.