Le malattie ci colpiscono, tendenzialmente, in momenti specifici della giornata, questo significa che c’è una connessione tra i ritmi circadiani e la risposta immunitaria. Questa è la conclusione a cui sono arrivati gli scienziati che ci spiegano quali siano le condizioni che insorgono più frequentemente durante il giorno e quali durante la notte: dagli infarti alle allergie, ecco cosa c’è da sapere.

Ritmi circadiani e risposta immunitaria. Gli esperti spiegano che gli studi hanno dimostrato che la risposta immunitaria adattativa, quella cioè che rende le nostre cellule più specializzate, è influenzata dai ritmi circadiani. In pratica il nostro corpo reagisce alla luce che influenza anche i nostri ormoni gestendo i ritmi di sonno-veglia, il metabolismo e altri processi psicologici, questo comporta una variazione del numero di globuli bianchi le cui quantità oscillano a seconda del momento del giorno.

Giorno e notte, quando ci colpiscono le malattie. Analizzando dunque la risposta del sistema immunitario in base ai ritmi circadiani, gli esperti hanno scoperto che

  • Gli attacchi di cuore insorgono per lo più la mattina, quando sono anche più gravi rispetto alla notte, in questa fase della giornata i globuli bianchi tendono ad essere di più, mentre il numero crolla durante la notte, questo spiega perché siamo meno protetti e quindi più soggetti agli infarti
  • Le infezioni da parassiti sono serali, durante la mattina il corpo è più in grado di combattere i parassiti rispetto alla sera
  • Le allergie peggiorano di notte e la mattina presto

A cosa serve lo studio. Comprendere che anche le malattie seguono i ritmi circadiani e da essi sono influenzati, può aiutare gli scienziati a trovare cure più efficaci adattate agli orari della giornata.

Lo studio, intitolato “Time-of-Day-Dependent Trafficking andFunction of Leukocyte Subsets”, è stato pubblicato su Trends in Immunology.