In natura ci sono circa 1,7 milioni di virus ancora non scoperti, di cui la metà potrebbe infettare l’uomo e dare inizio a nuove pandemie. L’avvertimento arriva da uno studio condotto da un team internazionale di 22 esperti affiliati a istituzioni delle Nazioni Unite, i cui risultati sono stati pubblicati in un report sul sito web dell’Ipes, la Piattaforma intergovernativa scienza-politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici. “Future pandemie – sostengono gli studiosi – emergeranno sempre più spesso, si diffonderanno più rapidamente, arrecheranno più danni all’economia mondiale e uccideranno più persone rispetto a Covid-19, a meno che non ci sarà un cambiamento trasformativo nell’approccio globale alla gestione delle malattie infettive”.

1,7 milioni di virus "non ancora scoperti"

Quella di Covid-19, spiegano gli esperti in una nota, è almeno la sesta pandemia sanitaria globale dall’Influenza Spagnola del 1918, e sebbene abbia avuto origine dal salto di specie di un nuovo coronavirus dal mondo animale all’uomo, come tutte le pandemie è dovuta interamente alle attività umane.

Si stima che altri 1,7 milioni di virus attualmente “non scoperti” esistano nei mammiferi e negli uccelli, di cui almeno 827.000 potrebbero avere la capacità di infettare le persone.

“Non c'è un grande mistero sulla causa della pandemia Covid-19, o di qualsiasi pandemia moderna – ha affermato Peter Daszak, presidente di EcoHealth Alliance che ha diretto il workshop Ipbes sui legami tra il degrado della natura e l’aumento dei rischi pandemici – . Le stesse attività umane che portano al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità determinano anche il rischio di pandemie attraverso il loro impatto sull’ ambiente”. In particolare, dice Daszak, i cambiamenti nel modo in cui coltiviamo la terra, l’espansione e l’intensificazione dell’agricoltura, il commercio, la produzione e il consumo insostenibili interrompono “il ciclo della natura, aumentando il contatto tra fauna selvatica, bestiame, agenti patogeni e persone. Questo è il percorso verso le pandemie”.

Secondo gli esperti, il rischio di pandemia può essere notevolmente ridotto riducendo le attività umane che causano la perdita di biodiversità, attuando una maggiore conservazione delle aree protette e attraverso misure che riducano lo sfruttamento insostenibile delle regioni ad alta biodiversità. “Ciò ridurrà il contatto tra fauna selvatica, bestiame e esseri umani e aiuterà a prevenire la diffusione di nuove malattie” afferma il rapporto.

Prove scientifiche schiaccianti indicano una conclusione molto positiva – ha aggiunto Daszak – . Abbiamo la capacità crescente di prevenire le pandemie, ma il modo in cui le stiamo affrontando in questo momento ignora in gran parte questa capacità. Il nostro approccio è effettivamente stagnante: facciamo ancora affidamento sui tentativi di contenere e controllare le malattie dopo che si sono manifestate, attraverso vaccini e terapie. Possiamo ancora evitare l’era delle pandemie, ma ciò richiede una maggiore attenzione alla prevenzione oltre alla reazione”.

Il rapporto afferma che fare affidamento sulla risposta alle malattie dopo la loro comparsa – come misure di salute pubblica e soluzioni tecnologiche, in particolare sul rapido sviluppo e distribuzione di nuovi vaccini e terapie – è un “percorso lento e incerto”, sottolineando sia la diffusa sofferenza umana e sia i costi in termini di danno economico a livello globale derivante dalla reazione alle pandemia. Stimando infine il probabile costo della pandemia di Covid-19 a livello globale in 8-16 trilioni di dollari al luglio 2020, gli esperti stimano che nei soli Stati Uniti si potrebbe raggiungere una spesa di 16 trilioni dollari entro il 4 ° trimestre del 2021. “Ridurre invece i rischi per evitare future pandemie avrebbe un costo 100 volte inferiore, fornendo forti incentivi economici per il cambiamento trasformativo”.