Una diagnosi effettuata per tempo permette di aumentare le possibilità di sconfiggere il cancro, per questo gli scienziati lavorano quotidianamente alla ricerca di strumenti utili a scovare con rapidità ed efficacia questa malattia che ogni anno porta via con sé milioni di persone. Secondo un recente studio, intitolato “Robust Detection of DNA Hypermethylation of ZNF154 as a Pan-Cancer Locus with in Silico Modeling for Blood-Based Diagnostic Development” e pubblicato su The Journal of Molecular Diagnostics, in futuro potremmo avere a disposizione un test del sangue capace di identificare 5 tipologie di cancro permettendoci così di intervenire già sui primi stadi.

Ma come è possibile?

I ricercatori si sono concentrati su un processo chiamato metilazione, un processo di modificazione del DNA che controlla l'espressione dei geni e che è risultato particolarmente attivo nei pazienti malati di cancro, in particolare di cancro al colon, al seno, ai polmoni, allo stomaco e tumore endometriale. Ma questa identificazione non era sufficiente. Gli scienziati hanno così analizzato a fondo il DNA e sono riusciti a scovare una firma della metilazione in corrispondenza di un gene, conosciuto come ZNF154, presente solo nei tumori.

In pratica, attraverso il test del sangue i ricercatori in futuro potrebbero poter cercare unicamente la presenza del gene ZNF154 per diagnosticare i 5 tipi di cancro.

“Nessuno del mio gruppo ha dormito la notte successiva alla scoperta” ha dichiarato la ricercatrice Laura Elnitski. “Eravamo così eccitati quanto abbiamo scoperto questo biomarker. È il primo del suo tipo che può essere applicato a così tante tipologie di cancro”.

Ovviamente sono necessari ulteriori studi per poter confermare quanto scoperto e riuscire ad utilizzare realmente il test del sangue.