Le persone che non hanno aspettative per il futuro, e che cioè non si vedono né meglio né peggio rispetto al presente, sono quelle che risultano più felici e soddisfatte a 10 anni di distanza. Vediamo insieme come i ricercatori siano arrivati a questa conclusione che, a loro dire, è sorprendente e quali potrebbero essere la cause.

Pensare al proprio futuro per essere felici. Siamo abituati a pensare che essere ottimisti nei confronti del nostro futuro, e quindi immaginare noi stessi più intelligenti e migliori, possa portarci a diventare effettivamente più felici con il tempo. Analizzando però quasi 5.000 persone all’interno di uno studio longitudinale durato dieci anni, gli scienziati hanno scoperto che le cose stanno diversamente e dunque il segreto della felicità non è come pensiamo.

Fly down e sii felice. I dati raccolti hanno portato ad una conclusione sorprendente: più le persone vedevano loro stessi identifico in futuro, quindi senza miglioramenti o peggioramenti su vari aspetti della vita, più risultavano soddisfatti della loro vita a 10 anni di distanza dall’inizio dell’esperimento. Diversamente, coloro che avevano grandi aspettative o che avevano aspettative pessimistiche risultavano meno felici.

Conclusioni. Lo studio serve alla letteratura psicologica poiché suggerisce che percepire simile il proprio futuro genera benefici sul lungo periodo. Ciò che però stanno cercando ancora di capire gli scienziati è come mai alcune persone immaginano un cambiamento per loro stessi nel futuro, e come mai altre invece questo cambiamento non lo contemplano.

Lo studio, intitolato “Identity Over Time: Perceived Similarity Between Selves Predicts Well-Being 10 Years Later”, è stato pubblicato sulla rivista Social Psychological and Personality Science.