Nel mondo esistono due tipologie di persone. Quelle con il senso dell’umorismo e quelle che ne sono prive. Secondo una ricerca condotta da un’equipe di scienziati della University of Western Ontario quelle appartenenti al primo gruppo sono dotate di una intelligenza superiore. Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulle pagine del Smithsonian Magazine, evidenzia maggiori capacità intellettive dovute alla continua ginnastica mentale richiesta dal sarcasmo. Far ridere il prossimo richiede infatti un’intelligenza acuta: la persona, seppur inconsapevolmente deve usare l’ironia al momento giusto.

Il sarcasmo rafforza le connessioni neurali. "L'ironia – spiega Richard Chin del Smithsonian Magazine – impone al cervello di pensare alle parole oltre il loro significato letterale, capendo che chi parla potrebbe voler dire qualcosa di completamente opposto rispetto alle parole che pronuncia". Essere sarcastici, dunque, rafforza e moltiplica le connessioni neurali. I soggetti sottoposti al sarcasmo hanno mostrato un'attività elettrica, a livello neurologico, superiore alla media.

Ma c'è un lato oscuro anche in questi soggetti. Le persone sarcastiche sono anche quelle potenzialmente più “instabili”. Albert Katz, psicologo della University of Western Ontario, ha condotto parallelamente un secondo studio che ha infatti rilevato che i soggetti appartenenti a questa “categoria” sono anche quelli più aggressivi.