152 CONDIVISIONI
23 Febbraio 2016
14:00

Il ricercatore italiano che predice i caratteri fisici grazie al DNA

Il ricercatore italiano Riccardo Sabatini, in occasione del TED 2016, ha spiegato come in futuro, attraverso la genomica, potrà essere possibile predire i caratteri fisici delle persone. L’obiettivo è quello di riuscire a sfruttare questa tecnologia per curare le malattie sviluppando farmaci ad hoc per i pazienti.
A cura di Zeina Ayache
152 CONDIVISIONI
Riccardo Sabatini speaks at TED2016 – Dream, February 15–19, 2016, Vancouver Convention Center, Vancouver, Canada. Photo: Bret Hartman / TED
Riccardo Sabatini speaks at TED2016 – Dream, February 15–19, 2016, Vancouver Convention Center, Vancouver, Canada. Photo: Bret Hartman / TED

In occasione della TED (Technology Entertainment Design), la conferenza che si tiene a Vancouver, lo scienziato italiano Riccardo Sabatini ha lasciato il pubblico a bocca aperta. Intervenuto sul palco, l'uomo ha annunciato di avere come ospite Craig Venter, il biologo che ha sequenziato per la prima volta il DNA umano, che però non si è presentato nella sua forma più classica, quella cioè “in carne e ossa”. Sabatini ha infatti portato con sé 175 libri, per 262 mile pagine, sulle quali ha stampato il genoma di Venter. Come possiamo immaginare, l'argomento affrontato dallo scienziato italiano riguarda proprio la possibilità che ad oggi abbiamo grazie alla tecnologia che ci permette di leggere il genoma.

Attraverso gli strumenti a disposizione, Sabatini è riuscito a predire caratteristiche fisiche come l'altezza, il colore di occhi e pelle e così anche la struttura di un volto, il tutto basato sul genoma di un individuo.

Questo è il codice della vita – ha affermato Sabatini – Qualsiasi cosa vogliamo farci o qualsiasi questione abbiamo in merito, è ora il momento di darci di pensarci”. Il ricercatore ha infatti compreso le potenzialità della genomica, che ad oggi sta raccogliendo milioni di dollari di finanziamento, e sostiene l'importanza di affrontare adesso le questioni ad essa relative, etiche o scientifiche che siano.

Studiare il DNA attraverso la bioinformatica permette non solo di predire i caratteri fisici di un individuo, ma, in futuro, di creare farmaci e cure personalizzate e più efficaci poiché potranno intervenire direttamente su quel determinato paziente. E non solo. Domani potrebbe essere possibile anche prevenire le malattie che colpiscono migliaia di esseri umani ogni anno.

La genomica è davvero il futuro? Lo scopriremo presto.

[Foto copertina di Bret Hartman / TED]

152 CONDIVISIONI
I ricercatori italiani creano i linfociti T killer che curano la leucemia
I ricercatori italiani creano i linfociti T killer che curano la leucemia
Le fumatrici in gravidanza alterano il DNA del feto
Le fumatrici in gravidanza alterano il DNA del feto
Il “super” DNA che protegge da alcune malattie genetiche
Il “super” DNA che protegge da alcune malattie genetiche
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni