Sindrome di Capgras
in foto: Sindrome di Capgras

Accade in Francia, un uomo racconta alla figlia che in casa sua vive un uomo che si veste come lui, si comporta come lui ed è fisicamente uguale a lui, solo che vive nello specchio del bagno e, ultimamente, è diventato aggressivo. Questo è il caso di Mr. B, un signore di 78 anni ricoverato per sospetta sindrome di Capgras. Il suo caso, come fa sapere LiveScience, è raccontato nel report “A case of Capgras syndrome with one’s own reflected image in a mirror” pubblicato su Neurocase: The Neural Basis of Cognition.

“Quello sconosciuto è il mio doppio: è alto come me, ha i miei stessi capelli, la stessa corporatura e caratteristiche, ha i miei stessi vestiti e si comporta come me”. Così paziente descrive la sua esperienza al medico Capucine Diard-Detoeuf, neurologo dell'Università Ospedaliera di Tours in Francia presso la quale è stato ricoverato.

Dopo alcuni accertamenti e visite mediche, i ricercatori sono giunti alla conclusione che Mr. B sia affetto dalla Sindrome di Capgras, un raro disturbo psichiatrico che prende il nome dal primo scienziato che ne descrisse i sintomi nel 1923, Joseph Capgras.

La Sindrome di Capgras porta i pazienti a credere che degli impostori, in alcuni casi replicanti o alieni, abbiano preso il posto di amici, componenti della famiglia e, in alcuni casi, anche dei propri animali domestici. Questa patologia è spesso associata ad altri disturbi psichiatrici o a danni cerebrali che non permettono al soggetto di comprendere razionalmente che ciò di cui è convinto sia un errore. Nel caso del paziente francese, l'episodio è ancor più particolare poiché riguarda l'immagine di sé stesso.

Quanto alle cure, di solito si utilizzano psicofarmaci che, per Mr. B, sono risultati efficaci visto che dopo 3 mesi di ricovero lo sconosciuto nello specchio, a suo dire, era scomparso.