innovazione

Il primo turista spaziale di Musk è Yusaku Maezawa, chi è il miliardario giapponese

Durante una conferenza stampa è stato annunciato il nome del primo turista spaziale che orbiterà attorno alla Luna. È Yusaku Maezawa, miliardario giapponese di 42 anni fondatore del colosso dell'abbigliamento online Zozotown. Il viaggio, se tutto andrà secondo i piani di SpaceX ed Elon Musk, partirà nel 2023.

Yusaku Maezawa, miliardario giapponese ideatore del sito di abbigliamento Zozotown, sarà il primo turista spaziale a orbitare attorno alla Luna. Lo ha annunciato egli stesso in una conferenza stampa assieme al CEO di SpaceX Elon Musk, che solo qualche giorno addietro aveva comunicato qualche piccola anticipazione su questa storica impresa. Il viaggio, se tutto andrà secondo i piani, avverrà nel 2023 e dovrebbe durare una settimana in tutto.

Maezawa, 42 anni, ha detto di aver prenotato l'intera navetta e che non andrà da solo (equipaggio a parte). Desidera infatti essere accompagnato da una squadra di otto artisti: pittori, scultori, registi, stilisti e via discorrendo, tutte personalità che deve ancora scegliere e viaggeranno gratis assieme a lui. Lo scopo è quello di fornire un'ispirazione per opere d'arte che dovranno essere confezionate al ritorno sulla Terra. Maezawa, del resto, è un grandissimo appassionato d'arte, tanto che lo scorso anno ha acquistato un dipinto di Jean-Michel Basquiat del 1982 (Untitled) per la cifra astronomica di ben 110,5 milioni di dollari.

A proposito di cifre, durante la conferenza stampa con Elon Musk non è stato annunciato quanto è costato il "biglietto" del viaggio spaziale al magnate dell'abbigliamento. Si sa solo che è una cifra ben al di là per i comuni mortali e che darà un contributo significativo allo sviluppo e alla costruzione del Big Falcon Rocket che lo porterò fra le stelle, i cui costi sono stimati in 5 miliardi di dollari. Della rivoluzionaria navetta riutilizzabile, come i razzi lanciatori Falcon 9 e Falcon Heavy di SpaceX, sono stati presentati nuovi rendering concettuali che ne mostrano un design differente rispetto a quello precedente. È stato inoltre comunicato che sarà più grande del previsto, dato che raggiungerà un'altezza di ben 118 metri. Le persone saranno alloggiate nella navetta vera e propria – la Big Falcon Spaceship (BFS), montata in cima al BFR -, che in base a quanto dichiarato avrà una capienza di ben cento posti. L'idea, del resto, è quella di offrire i viaggi sulla Luna – e più avanti su Marte e nel resto del Sistema solare – a quante più persone possibili, naturalmente attraverso un progressivo abbattimento dei costi. In futuro il sogno è rendere i viaggi spaziali più o meno come quelli aerei.

Ad accompagnare Yusaku Maezawa potrebbe esserci lo stesso Elon Musk, che ha detto di non aver ancora deciso se prenderà parte o meno al viaggio, ma non lo ha affatto escluso. Il magnate giapponese ha deciso di chiamare la sua missione “#dearMoon” e ha lanciato un sito web ufficiale dedicato ad essa, dove verranno rilasciati i futuri aggiornamenti. Non è stato ancora deciso nulla sull'addestramento che Maezawa e gli altri fortunati turisti spaziali dovranno affrontare prima del viaggio, certamente non privo di rischi. Prima del lancio vero e proprio saranno comunque effettuati diversi voli di prova senza equipaggio, e solo se andrà tutto come previsto verrà confermata la missione umana. Non ci resta che attendere fiduciosi i prossimi capitoli di questa appassionante e ambiziosa avventura fra le stelle.

[Credit: SpaceX]

CONTINUA A LEGGERE SU FANPAGE.IT

Venduto biglietto per la Luna: Elon Musk conferma il primo turista tra le stelle
Elon Musk ha svelato Starship, il razzo-navetta che inaugura l'era del turismo spaziale
Elon Musk ha presentato Starship, la spettacolare astronave che ci porterà sulla Luna e su Marte
Dennis Tito: “Un viaggio per Marte nel 2018”
Musk porterà gli astronauti nello spazio nel 2019: viaggio su Crew Dragon di SpaceX in aprile
Elon Musk promette: voli da 29 minuti Londra-New York e uomo su Marte nel 2024
Il farmaco per il diabete metformina riduce la mortalità nei pazienti Covid
Questi segni indicano che puoi già aver avuto il Covid
No, i vaccini anti COVID a RNA di Pfizer e Moderna non modificano il tuo DNA