830 CONDIVISIONI
12 Marzo 2021
15:46

Il lockdown ha portato a un aumento dei disturbi alimentari

Lo indicano i risultati di uno studio inglese che ha esaminato l’impatto delle restrizioni introdotte nella prima ondata di Covid-19 su comportamenti e abitudini alimentari.
A cura di Valeria Aiello
830 CONDIVISIONI

Il lockdown per contrastare la diffusione del coronavirus ha inciso fortemente sull’insorgenza e la riacutizzazione dei disturbi alimentari. Lo evidenziano i risultati di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Psychiatry Research da un team di ricerca dell’Anglia Ruskin University di Cambridge, nel Regno Unito, che ha esaminato il comportamento e le abitudini alimentari di 319 utenti di un club benessere durante l’estate del 2020. Gli studiosi avevano già eseguito un’indagine analoga nel 2019 e hanno quindi valutato l’impatto delle restrizioni introdotte nella primavera del 2020 nei partecipanti allo studio (età media 37 anni, 84% donne). Per l’analisi è stato utilizzato un questionario sull’atteggiamento alimentare, chiamato EAT-26, che ha previsto risposte a domande relative ad affermazioni del tipo “Sono terrorizzato dall’essere sovrappeso”, “Ho un impulso a vomitare dopo i pasti” e “Mi sento estremamente in colpa dopo aver mangiato”.

I riscontri hanno permesso agli studiosi di rilevare un aumento significativo dei punteggi medi di EAT-26 dopo il lockdown, suggerendo un maggiore livello di comportamenti alimentari morbosi, come l’anoressia e la bulimia. “Non possiamo dire con certezza che la responsabile di questo aumento dei comportamenti associati ai disturbi alimentari sia la pandemia di Covid-19 – ha affermato Mike Trott, ricercatore dell’Anglia Ruskin University e primo autore dello studio – . Tuttavia, sappiamo che le persone spesso usano il cibo per affrontare lo stress e chiaramente in tanti sono stati colpiti da eventi stressanti e cambiamenti significativi negli ultimi 12 mesi”.

Allo stesso tempo, lo studio ha anche indicato che i livelli di esercizio fisico individuale sono aumentati da 6,5 ore a settimana nel 2019 a 7,5 ore a settimana dopo il lockdown. “Potrebbe essere che i partecipanti al nostro studio fossero desiderosi di ricominciare le loro routine di esercizio dopo il lockdown e recuperare il tempo perso allenandosi di più – ha aggiunto Trott – . Indipendentemente dai motivi, ci sono molti benefici per la salute fisica e mentale nell’esercizio fisico regolare, quindi questo è un risultato positivo”.

830 CONDIVISIONI
Identificati i sei disturbi alimentari associati alla pandemia
Identificati i sei disturbi alimentari associati alla pandemia
Con norme Covid cresce l’abuso di alcolici: “Aumento legato al tempo trascorso a casa”
Con norme Covid cresce l’abuso di alcolici: “Aumento legato al tempo trascorso a casa”
Il vaccino di Astrazeneca comporta un lieve aumento del rischio di disturbi emorragici
Il vaccino di Astrazeneca comporta un lieve aumento del rischio di disturbi emorragici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni