Covid 19
4 Ottobre 2021
15:11

Il coronavirus sta migliorando la sua trasmissione nell’aria

La variante Alfa del virus viaggia in modo più efficiente nelle piccole goccioline di saliva rispetto al virus originario. La variante Delta potrebbe aver continuato questa evoluzione.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le varianti più recenti del coronavirus, Alfa e Delta, si sono rivelate altamente contagiose e in grado di infettare un gran numero di persone rispetto al virus originale. Due nuovi studi offrono una possibile spiegazione di questa maggiore trasmissibilità, osservando come le goccioline più piccole, chiamate aerosol, possano spostarsi su lunghe distanze e depositarsi direttamente nei polmoni, dove il virus è più dannoso.  “Non è uno scenario di Armageddon” rassicura Vincent Munster, virologo presso l’Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive, che ha condotto uno dei due nuovi studi – . È una modifica del virus per una trasmissione più efficiente, qualcosa che penso tutti ci saremmo aspettati, e che ora vediamo accadere in tempo reale” .

Il team del dottor Munster ha dimostrato che gli aerosol possono percorrere distanze molto più lunghe e che la variante Alfa ha molte più probabilità di causare nuove infezioni tramite la trasmissione di aerosol rispetto alle varianti. Il secondo studio ha scoperto che le persone contagiate dalla variante Alpha producevano circa 43 volte più virus in minuscoli aerosol rispetto a chi era stato contagiato da varianti precedenti. I risultati potrebbero anche spiegare perché la variante Delta è più contagiosa e perché ha sostituito tutte le altre versioni virali di Sar-Cov-2. “Indica davvero che il virus si sta evolvendo per diventare più efficiente nella trasmissione attraverso l’aria ha affermato al New York Times Linsey Marr, esperta del Virginia Tech che non è stata coinvolta in nessuno dei due studi  – . Non sarei sorpresa se, con Delta, quel fattore fosse ancora più alto”.

La variante Alpha si è rivelata due volte più trasmissibile del virus originale e la variante Delta ha mutazioni che ne hanno potenziato ulteriormente la contagiosità. Poiché il virus continua a mutare, le varianti più recenti potrebbero rivelarsi ancora più trasmissibili, affermano gli esperti. “Tuttavia, almeno negli spazi affollati, le persone dovrebbero considerare il passaggio a maschere più protettive” ha indicato Don Milton, esperto di aerosol presso l’Università del Maryland che ha guidato  uno studio sulle persone contagiate dalle nuove varianti, pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Disease. “Dato che il virus sembra evolversi verso una migliore generazione di aerosol, abbiamo bisogno di un migliore contenimento e di una migliore protezione personale”.

Per l’analisi, i ricercatosi hanno valutato come le diverse varianti si diffondono nell’aria, chiedendo ai partecipanti con infezioni lievi o asintomatiche, di recitare l’alfabeto, cantare ad alta voce “Happy Birthday” o gridare lo slogan dell’Università del Maryland, “Go Terps!”. Le persone contagiate dalla variante Alfa hanno mostrato quantità di virus nel naso e nella gola maggiori di quelle delle persone infettate dal virus originale. Le persone infettate dalle variante Alfa hanno prodotto circa 18 volte più virus negli aerosol più piccoli, indicando che questa maggiore quantità può dipendere da dove il virus si sta replicando nel tratto respiratorio e dalla natura del muco nel suo ambiente. “Non abbiamo davvero idea del motivo per cui alcuni individui sono superdiffusori e altri no – ha detto la professoressa Seema Lakdawala, esperta di virus respiratori presso l’Università di Pittsburgh, che non è stata coinvolta in nessuno dei due nuovi studi. – . C’è molta eterogeneità tra gli individui”.

Nell’insieme, queste nuove scoperte sottolineano l’importanza dell’uso delle mascherine per le persone vaccinate, specialmente negli spazi affollati. Anche se le persone vaccinate anche hanno molta meno probabilità di diffondere il virus rispetto alle persone non vaccinate, la contagiosità delle varianti aumenta la probabilità di contagio. E con miliardi di persone in tutto il mondo vaccinate e miliardi di non vaccinate, il virus può ancora mutare in modo inaspettato. “Potrebbero esserci ulteriori pressioni evolutive, che modellano la direzione evolutiva di questo virus” ha concluso Munster.

28154 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni