Sono milioni le persone che ogni hanno sono in lista di attesa per ricevere un nuovo cuore, così come sono migliaia le persone che ogni anno muoiono a causa di malattie che colpiscono proprio questo organo muscolare vitale. In aiuto di tutto coloro che soffrono di disturbi al cuore arriva adesso il ‘cyborg heart patch', uno speciale cerotto creato dagli ingegneri della Tel Aviv University e che su Nature Materinals hanno pubblicato gli esisti della loro scoperta intitolata “Engineered hybrid cardiac patches with multifunctional electronics for online monitoring and regulation of tissue function”.

Come spiegato dagli stessi ricercatori, questo ‘cerotto bionico', da far aderire direttamente sul cuore, combina parti organiche o parti ingegnerizzate, in pratica, come spiega il dottor Dvir, “abbiamo integrato tessuti elettronici e tessuti viventi” che si espandono e contraggono proprio come avviene nel cuore di un essere umano e hanno il vantaggio di autoregolarsi come una vera e propria macchina che può essere installata e programmata per rilasciare farmaci.

Ma come funziona? In pratica sono stati creati dei tessuti molto sottili adatti al trapianto che sono in grado di percepire la funzione del tessuto e rilasciare, se necessario, una stimolazione elettrica. A questi sono stati integrati i polimeri elettroattivi che, quando stimolati, rilasciano i farmaci necessari.

Il dottor Dvir spiega che sarà possibile per il medico controllare a distanza lo stato di salute del paziente e, come avviene per l'accesso ai file da remoto, intervenire se necessario. Ovviamente l'obiettivo è riuscire a fare in modo che il cerotto possa autogestirsi, ad esempio in caso di infiammazione rilasci farmaci antiinfiammatori.

Questo tipo di prodotto, che ancora non è disponibile, ha potenzialità enormi che però, dichiarano i ricercatori, non devono indurre i pazienti a sottovalutare il loro stato di salute smettendo di seguire un'alimentazione sana o di praticare sport.

[Foto di Tel Aviv University]