Il caldo di questi giorni può peggiorare i sintomi delle malattie cardiovascolari, renali, mentali e respiratorie, fa sapere l'Organizzazione Mondiale della Sanità, per questo, per quanto possano sembrarci banali e scontate, rilascia alcuni consigli utili per evitare di rendere l'estate più bella dell'anno un vero e proprio incubo, non solo per gli anziani e i bambini, ma in generale per tutti noi. Ecco dunque cosa si consiglia di fare per cercare di contrastare gli effetti di queste ondate di calore.

Calma e fresco. Con il caldo tendiamo ad essere più nervosi, e questo può mettere a rischio la nostra salute. L'OMS consiglia dunque di:

  • mantenere fresca la nostra casa, ad esempio sfruttando le ore fresche della sera per far circolare aria in casa e ridurre il calore nelle stanze, durante il giorno invece di consiglia di chiudere le persiane, per limitare l'accesso alla luce
  • evitare il caldo, ad esempio, come già sappiamo, non uscendo nelle ore più calde enon praticando attività faticose al sole, preferire dunque l'ombra. Accertarsi di non lasciare bambini e animali in auto, neanche per pochi minuti, perché le temperature all'interno di un veicolo fermo possono aumentare considerevolmente anche in poco tempo. L'ideale sarebbe approfittare di luoghi con aria condizionata per ridurre la nostra temperatura corporea (senza esagerare per evitare sbalzi)
  • mantenersi al fresco e non dimenticarsi di bere, quindi utilizzare abiti leggeri e larghi, farsi docce fresche o fredde, bere acqua regolarmente ed evitare alcolici e caffeina
  • ricordarsi di prendersi cura anche di familiari, amici o vicini di casa che sappiamo vivere da soli, le persone vulnerabili, sottolineano dall'OMS, potrebbero aver bisogno di assistenza in queste giornate così calde

Attenzione a questi sintomi. Giramenti di testa, debolezza, ansia, sete intensa o mal di testa sono sintomi che possono farci capire che stiamo subendo gli effetti del caldo, in questi casi il consiglio è quello di cercare immediatamente di spostarsi in un luogo fresco, bere acqua o succhi di frutto per reidratarsi. In caso di spasmi muscolari o crampi che durano anche più di un'ora, chiedere aiuto.

In ogni caso, se i sintomi dovessero peggiorare o se la pelle dovesse risultare insolitamente calda e secca, o dovessero insorgere convulsioni, chiamare un'ambulanza.