I tentacoli dei polpi si muovono indipendentemente dagli input del cervello perché hanno un loro ‘cervello’ che gli permette di scoprire e conoscere l’ambiente che li circonda, questa scoperta potrebbe aiutarci ad immaginare come potrebbe essere l’intelligenza degli alieni che, probabilmente, è diversa dalla nostra. Vediamo come gli scienziati hanno scoperto la presenza di un ‘cervello’ indipendente nei tentacoli dei polpi e cosa significa.

Credit: edmondlafoto
in foto: Credit: edmondlafoto

Polpi, tentacoli e cervello. Gli esperti hanno analizzato il comportamento dei polpi proponendo loro alcuni oggetti da scoprire, come blocchi di cemento, rocce, Lego e labirinti elaborati con cibo all’interno, questo per ricercare la presenza di schemi comportamentali che potessero rivelare come il sistema nervoso del polpo deleghi ai tentacoli mentre l'animale si avvicina a un compito o reagisce a nuovi stimoli: l’obiettivo dello studio era dunque la ricerca di indizi a cui i movimenti sono diretti dal cervello e che vengono gestiti dai tentacoli.

Lo studio. Per riuscire a capire l’attività dei tentacoli dei polpi, gli scienziati hanno utilizzato una macchina fotografica e un programma per computer che permette di osservare l’animale mentre esplora oggetti e cerca cibo. Il programma utilizzato quantifica i movimenti dei tentacoli, rilevando come questi lavorino insieme in sincronia, suggerendo la direzione dal cervello, o in modo asincrono, suggerendo un processo decisionale indipendente in ogni appendice.

Come funzionano i ‘cervelli’ del polpo. I dati raccolti hanno dimostrato che, effettivamente, i tentacoli dei polpi si muovono e vanno alla scoperta dell’ambiente indipendentemente dall’input ricevuto dal cervello centrale e si coordinano tra loro. “I tentacoli elaborano quindi informazioni sensoriali e motorie e mettono in atto un'azione collettiva partendo dal sistema nervoso periferico, senza attendere i comandi dal cervello”, spiegano gli scienziati. Ma come ci riescono? I tentacoli sono dotati di un anello neurale che aggira il cervello così da inviare informazioni l'uno all'altro senza che il cervello ne sia consapevole. “Così, mentre il cervello non è abbastanza sicuro di dove siano i tentacoli nello spazio, i tentacoli sanno dove si trovano e questo permette loro di coordinarsi durante azioni come la locomozione strisciante”, concludono i ricercatori.

Polpi come intelligenze aliene. Secondo gli scienziati, l’intelligenza particolare e affascinanti dei polpi può essere uno spunto di riflessione sull’intelligenza aliena, comprendere come questo animale percepisce il mondo intorno a lui è il modo più efficace possibile per iniziare a prepararci ad affrontare la possibilità di vita intelligente oltre il nostro Pianeta.

Lo studio, intitolato “Researchers model how octopus arms make decisions”, verrà presentato in occasione dell’Astrobiology Science Conference.